Venti chili di hascisc in cantina, fermati padre e figlio

Maxi sequestro la notte tra il 22 e il 23 settembre alla Besurica da parte dei carabinieri dell'Aliquota Operativa del Norm e quelli della stazione principale, in carcere sottoposti a fermo di polizia giudiziaria sono finiti padre e figlio tunisini di 51 e 19

Parte della droga sequestrata

Venti chili di hascisc in una cantina. Maxi sequestro la notte tra il 22 e il 23 settembre alla Besurica da parte dei carabinieri dell'Aliquota Operativa del Norm e quelli della Stazione Principale, in carcere sottoposti a fermo di polizia giudiziaria sono finiti padre e figlio tunisini di 51 e 19 anni con l'accusa di detenzione di droga ai fini di spaccio. Il 51enne era uscito dal carcere solo un anno fa dopo aver scontato sette anni per traffico internazionale di droga e alle spalle ha una lunga carriera quasi ventennale di reati sempre per droga e spaccio. Il blitz nello scantinato di un condominio alla Besurica è scattato al termine di accertamenti e ha portato al sequestro di due borsoni da calcio con all'interno 2mila ovuli di hascisc di altissima qualità divisi in sacchetti di plastica da un chilo l'uno. Tutti sono marchiati con la lettera "F". La qualità della plastica  e l'imballaggio perfetto di ogni singolo ovulo, circa 10 grammi, farebbe presumere a una produzione di tipo quasi industriale, fanno sapere dall'Arma. Probabilmente la droga proviene dal Marocco e avrebbe saturato per parecchio tempo il mercato di Piacenza e provincia. I venti chili avrebbero fruttato circa 200mila euro. Su padre e figlio, che disponevano di questo scantinato, ma abitavano in un altro stabile, i militari hanno raccolto gravi indizi di colpevolezza che hanno permesso loro di sottoporli a fermo di indiziato per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Le indagini sono coordinate dal sostituto procuratore Ornella Chicca. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • Scaraventano un cancello contro la polizia per scappare dopo il colpo: quattro arresti

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • L'annuncio di Bonaccini: «La regione torna “zona gialla” da domenica»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento