Via Boselli, spacciatore feticista del Milan: sembra "sniffasse su Beckham"

Operazione del nucleo operativo dei carabinieri. Arrestato spacciatore macedone di 28 anni in via Boselli: la coca per pagarsi le partite del Milan. La passione sfegatata per Beckham: sembra che sniffasse sulla foto in costume del giocatore

beckham_1E' stato arrestato, in flagranza, mentre cedeva due dosi di cocaina a un'impiegata 32enne piacentina, un macedone di 28 anni, senza lavoro fisso, da 10 anni in Italia. Il fatto è avvenuto nei giorni scorsi in via Boselli. Fin qui nulla di particolarmente strano, una "ordinaria" operazione di successo - dopo un'intensa attività di indagine - per il nucleo operativo dei carabinieri. La particolarità? Lo straniero non spacciava per lucrare, o per "sgomitare" tra gli spacciatori di città. Il suo obbiettivo? Seguire il Milan. Sempre e comunque.

MILAN OVUNQUE - E' proprio dalla perquisizione nella sua abitazione, vicino a via Boselli, che gli uomini diretti dal capitano Rocco Papaleo, infatti, hanno capito la natura quasi "feticista" della passione del 28enne. Bandiere e sciarpe dei rossoneri ovunque; immagini della squadra, dei giocatori, degli scudetti vinti; foto ricordo, gagliardetti, gadget; insomma, tutto ciò che riguarda i Diavoli (nelle foto). L'attività di spaccio, si deduce, serviva proprio per coltivare questa passione: i proventi alimentavano i costosi biglietti per le partite, a San Siro o all'estero (il 28enne è stato all'Old Trafford per l'ultima sfida di Champions contro lo United).

COCA SULLA FOTO DELLO "SPICE BOY" - Così, nell'appartamento, sono stati rinvenute altre 20 dosi di cocaina - circa 30 grammi - oltre ad altri 20 grammi sfusi. Non ha retto la sua giustificazione "per uso personale". Poi un coltello, un bilancino elettronico, un sacchetto di plastica "tagliuzzato" per la preparazione degli involucri da vendere. Infine, la cosa più curiosa, una foto di Beckham in costume "spolverata" di coca e una cannula per sniffare: è probabile che il 28enne inalasse la cocaina sopra l'immagine del centrocampista rossonero. E proprio per questo motivo l'operazione del suo arresto è stata chiamata "Spice boy". Il giovane si trova ora alle Novate.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frontale a Castellarquato: muore un uomo, altre due persone sono gravissime

  • Travolto da un Tir mentre cammina al buio sul cavalcavia, 24enne in fin di vita

  • Frontale lungo la Provinciale, muore in auto di fianco alla moglie

  • Scontro Cavanna-Burioni sull’utilizzo della idrossiclorichina per combattere il Covid

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da domani

  • Come non sporcare la mascherina con il trucco

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento