Colpo alla Carisbo di viale Dante, presi i rapinatori a Parma

Presi i "freddi" rapinatori che assaltarono la Carisbo in viale Dante lo scorso giugno. Hanno 34 e 35 anni, originari di Napoli. Tennero 10 persone in ostaggio per un'ora. Scoperti a Parma, dove risiedevano. La gallery d'immagini

E' durata qualche mese la "pacchia" di Fabrizio Silvestri e Daniele Angeloni, di 34 e 35 anni, originari di Napoli, accusati di esser stati gli autori del colpo "da professionisti" alla Carisbo di viale Dante lo scorso giugno, del quale il Piacenza si occupò. I due sono stati individuati a Parma, dove risiedono. Ora si trovano in carcere, alle Novate.

UN COLPO "PERFETTO", MA NON TROPPO - Riavvolgendo il nastro delle cronache, quello alla Carisbo del 30 giugno 2009 fu un colpo da veri "professionisti": i due entrarono a volto scoperto nella banca come normali clienti, chiusero le porte e tennero le 12 persone all'interno dell'istituto di credito in ostaggio fino all'apertura della cassaforte a tempo. Un'ora, sotto la minaccia di un cutter. Poi, prima di fuggire, legarono i clienti in bagno con alcuni nastri. Il colpo fu fruttifero: 50mila euro in contanti dalle casse del bancomat, oltre a 20mila euro della cassaforte. Nelle immagini in gallery la banca, e il nastro utilizzato per rinchiudere le persone nei bagni.

LE INDAGINI E LE CONFERME DEGLI OSTAGGI - Le indagini della polizia si attivarono immediatamente. Vennero fatte girare in tutte le questure d'Italia foto segnaletiche di possibili sospetti - anche dalla descrizione dei clienti -, finchè i due possibili rapinatori vennero individuati a Parma, dove tutt'ora vivono. Caso strano, i due non vennero trovati a casa: e nemmeno a Napoli, dove hanno la famiglia. Avute foto più recenti dei due dalla questura di Parma - il 34enne, nel frattempo, si era tagliato il codino e aveva capelli più corti - tutti i clienti della Carisbo, in foto-riconoscimento, indicarono con certezza i due come gli autori del colpo. Tra le altre cose, solo pochi giorni prima della rapina a Piacenza tentarono un colpo a Bologna: ma il timore di essere scoperti fece loro abbandonare la banca in fretta, con un bottino di soli 500 euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

APPASSIONATI DI PESISTICA - I due sono stati così arrestati, su ordinanza del gip Bussi. Si trovano ora alle Novate. Solo Angelone ha piccoli precedenti specifici; incensurato Silvestri, che è il cognato. Entrambi culturisti, passavano molto tempo nelle palestre di Parma; è stata la prima cosa che hanno chiesto una volta in carcere. Attualmente non avevano lavoro, ma vivevano di espedienti. Non più di certo, almeno per un po', di rapine.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frontale a Castellarquato: muore un uomo, altre due persone sono gravissime

  • Scontro Cavanna-Burioni sull’utilizzo della idrossiclorichina per combattere il Covid

  • Travolto da un Tir mentre cammina al buio sul cavalcavia, 24enne in fin di vita

  • Muore a 29 anni travolto da un furgone pirata

  • Frontale lungo la Provinciale, muore in auto di fianco alla moglie

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da domani

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento