Martedì, 28 Settembre 2021
Cronaca

Via dei Pisoni, il parcheggio-scambiatore del terminal sarà da 400 posti auto

Sopralluogo della Giunta al terminal dei bus e alla biglietteria (già in funzione). Cisini: «All'inizio 15 minuti di ritardo per gli studenti, poi miglioreremo in corsa: ora gli utenti sono messi in sicurezza»

Un ultimo sopralluogo prima dell’entrata in funzione del terminal degli autobus lunedì 18 aprile. La giunta si è data appuntamento in via dei Pisoni per vedere da vicino la nuova biglietteria Seta – entrata in funzione da qualche giorno – e per chiarire alcuni aspetti sulla grande rivoluzione del trasporto pubblico locale in corso.  In questi giorni molti genitori e studenti dei licei Gioia e Romagnosi sono insorti: lo spostamento in navetta da piazza Cittadella a via dei Pisoni comporta un ritardo di dieci minuti sulla tabella di marcia quotidiana.  

«Non cambierà – ha replicato l’assessore ai lavori pubblici Giorgio Cisini - molto: si recheranno sempre in piazza Cittadella dove troveranno le navette che li raccoglieranno e li porteranno qui in via dei Pisoni. Abbiamo stimato, in questa fase, un 15 minuti in più di ritardo.  È un calcolo prudenziale,  durante il percorso possono succedere situazioni di traffico». Cisini evidenzia il tema dell’incolumità degli utenti. «Lo facciamo anche per la loro sicurezza. Mettiamo in sicurezza, siamo attenti a questo. Piazza Cittadella era inadeguata, c’erano troppe interferenze tra chi sale e scende, chi parte e chi arriva,  vogliamo prevenire rischi. Il nuovo terminal è inaccessibile alle auto. Lo so, è un luogo marginale, non al centro della città,  ma è sorvegliato da telecamere e dal personale».

Il terminal dei bus è sperimentale. Nel corso degli anni potrà essere rivisto, soprattutto in virtù di eventuali progressi nel percorso di riqualificazione dell’area di Borgo Faxhall. «Sono 30 anni che si parla di spostamento – riflette Cisini durante il sopralluogo della giunta - e non è avvenuto mai nulla. Borgo Faxhall è ancora in itinere, non potevamo investire ancora lì, abbiamo la fortuna di avere questo spazio del demanio militare per sperimentare. L’area è confinante, è una sperimentazione realistica per la prospettiva futura».  E ancora una risposta ai disagi. «I 15 minuti di ritardo potranno essere assorbiti nel tempo, siamo pronti a correggere in corsa in questo mese e mezzo che ci separa dalla fine della scuola. I primi giorni ci saranno inevitabilmente situazioni nuove per l’utenza, ma il personale Seta è stato allertato per aiutare i ragazzi».

L’amministrazione è ora nel mirino dei commercianti di piazza Cittadella, orfani del terminal, che a loro dire portava clientela. «Il movimento in piazza Cittadella – replica l’assessore - è lo stesso, tutti passano da lì comunque.  Il carico di utenti è uguale e in più hanno un beneficio ambientale e una valorizzazione dei luoghi, perché togliamo i bus fermi. Non ci sarà una minor affluenza per i negozianti. La navetta potrà solo apportare benefici per il commercio del centro. Piazza Cittadella rimane la fermata privilegiata del trasporto pubblico, grazie alla navette».

Il parcheggio scambiatore di via dei Pisoni nell’area dell’ex mercato ortofrutticolo sarà da 400 posti. «Sarà utile per chi viene dalla via Emilia, consentirà un benessere ambientale». Il sindaco Paolo Dosi ha annunciato la volontà di migliorare, a breve, il collegamento tra il Borgo Faxhall e il suo parcheggio e il terminal dei bus. «Già esiste un percorso pedonale a ridosso della ferrovia – ha detto Dosi -, lo segneremo meglio per renderlo più evidente».

Il costo delle navette non è stato ancora quantificato: ne parte una ogni dieci minuti, ogni 5 nelle ore di punta, ovvero all’uscita delle scuole e nella fascia orario dalle 17.30 alle 19.30. Le navette rimarranno attive anche con la fine dell’anno scolastico. Durante l’estate saranno attive ogni 5 minuti solamente nella fascia oraria serale. L’utilizzo delle nuove navette di collegamento non comporta costi aggiuntivi rispetto al biglietto/abbonamento extraurbano. «È tutto sperimentale – chiarisce Cisini -, il costo dipende da quanta gente le prenderà.  Magari si può sostenere da sola questa operazione. Magari con gli introiti del parcheggio scambiatore di via dei Pisoni potremmo sostenere i costi e anche guadagnarci. Vedremo con i numeri che avremo a disposizione. Arriveremo a settembre con le idee senz’altro più chiare».

biglietteria Seta

biglietteria Seta-2

biglietteria Seta-3

biglietteria Seta-4

biglietteria Seta-5

stazione Autobus terminal-2

biglietteria Seta-6

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via dei Pisoni, il parcheggio-scambiatore del terminal sarà da 400 posti auto

IlPiacenza è in caricamento