menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'incrocio che verrò messo in sicurezza

L'incrocio che verrò messo in sicurezza

Viale Dante, un piano stradale rialzato per la sicurezza dell'incrocio di via Damiani

L'annuncio dell'assessore Cisini: «Zona frequentata da studenti e anziani, era necessario». Dal 20 luglio inizia l'asfaltatura del tratto fino a via Conciliazione: «Disagi al minimo per commercianti e residenti»

Viale dante operazione sicurezza. In Comune l’assessore Giorgio Cisini - insieme ai responsabili dell’ufficio traffico - ha fatto il punto della situazione sui consistenti lavori di riqualificazione di viale Dante, di cui la prima tranche è in dirittura di arrivo in questi giorni. La novità è la prossima installazione di un piano stradale rialzato all’incrocio fa via Nasolini, via Damiani e lo stesso viale Dante. Spiega Cisini: «Si tratta di un intervento che si è reso necessario per la messa in sicurezza di quell’incrocio, vista la presenza di molti studenti e persone anziane che vanno ai giardinetti. Abbiamo infatti rilevato che, nonostante vi sia già il semaforo, spesso le auto sfrecciano troppo forte in quel tratto».

Cisini Ufficio Traffico-2Per il resto, invece, assessore e tecnici annunciano che lunedì 20 luglio inizieranno i lavori di asfaltatura del tratto che in questi mesi è stato interessato dai lavori, ovvero quello che va da via Conciliazione (compresa) e appunto l’incarico di via Damiani.
Dal Comune spiegano che gli immancabili disagi per la circolazione saranno inevitabili durante gli ultimi lavori, «ma per i residenti e i commercianti saranno davvero ridotti al minimo. Sarà infatti sempre garantito l’accesso ad abitazioni e negozi» dice Cisini, confermando la fine delle operazioni per la metà di agosto. Nel frattempo, per la durata dei lavori, verranno istituiti dei sensi unici alternati provvisori per regolare la circolazione.
«Successivamente - spiega l’assessore - inizierà la riqualificazione del secondo tratto, quello fino a via Bianchi, ma in questo caso garantiamo che sarà tutto molto più veloce. Infatti, al contrario del primo tratto, qui non dovremo sostituire le tubazioni dell’acquedotto che sono ancora sane, e non dovremo nemmeno posare il teleriscaldamento. Quindi sarà sufficiente togliere lo spartitraffico, realizzare la pista ciclabile, piantare gli alberi e riasfaltare».

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Piacenza usa la nostra Partner App gratuita !

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento