Vigolzone, la minoranza: «Dopo dieci mesi il depuratore non è stato ancora sistemato»

I consiglieri Serena e Borlenghi: «Il depuratore a Follo di Albarola non è ancora ripristinato dall’alluvione. Occorre intervenire e rimborsare i cittadini che hanno pagato in tutto questo tempo»

Il Nure a Follo di Albarola

In consiglio comunale – la seduta è convocata per il 26 luglio – a Vigolzone i consiglieri d’opposizione Lucia Serena e Giulio Borlenghi (del gruppo "Amare Vigolzone") presenteranno un’interpellanza a risposta scritta sul depuratore di Follo di Albarola, le cui vasche sono state portate via dalla furia del Nure. A dieci mesi dall’alluvione del settembre 2015 che ha messo a dura prova la zona di Albarola, la struttura non è ancora stata ripristinata. I due consiglieri chiedono all’Amministrazione Rolleri di attivarsi per la sistemazione del depuratore. «Da allora – spiegano i due – tutti i reflui fognari di Albarola vengono scaricati direttamente nel Nure, senza alcun tipo di depurazione. Sarebbe anche giusto rimborsare gli utenti Iren della zona che hanno pagato in questi mesi il contributo per la depurazione delle acque». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

Torna su
IlPiacenza è in caricamento