Ville di lusso con piscina "gratis", sequestrato un milione di euro a due famiglie rom

La guardia di finanza ha sequestrato due maxi ville con piscina e nove auto a due famiglie rom residenti a Cadeo: «Giostrai in nero e pregiudicati senza mai aver dichiarato nulla al fisco vivevano nel lusso senza pagare utenze e servizi»

Un momento del blitz

Vivevano in due maxi ville "fantasma" costruite nel 2005 e mai accatastate. In dieci hanno non hanno mai pagato luce, gas e acqua eppure le case, con finiture di pregio, erano dotate di ampi giardini e addirittura di una piscina. Vivevano al di sopra delle proprie possibilità economiche sulla carta ma di fatto riuscivano a permettersi uno stile di vita a dir poco lussuoso con la sola attività di giostrai, anc'essa svolta in nero. La guardia di finanza di Piacenza, al termine di indagini durate un anno, nella mattinata del 6 dicembre, ha sequestrato beni mobili ed immobili (due ville e nove auto) per un valore complessivo di 1,2 milioni di euro a due famiglie di giostrai di origine rom residenti in via Quaglia a Cadeo. Il sequestro potrebbe diventare confisca nei prossimi tempi. 

Il provvedimento, disposto dal tribunale di Piacenza su richiesta della locale Procura della Repubblica, giunge al IMG_9673-2termine di complesse indagini di polizia economico-finanziaria, culminate nella minuziosa ricostruzione del patrimonio illegalmente accumulato negli anni dalle famiglie ormai stanziali nel territorio. Gli accertamenti eseguiti dalle fiamme gialle piacentine, hanno consentito di individuare in capo ai responsabili un tenore di vita, disponibilità  finanziarie ed un patrimonio assolutamente sproporzionato e non giustificabile, tenuto conto che nessuno dei componenti le famiglie sottoposte a controllo ha dichiarato redditi al fisco. I finti poveri abitualmente dediti ad attività criminali, conducono infatti un elevato stile di vita, grazie al reimpiego dei proventi frutto delle attività delittuose, un patrimonio accumulato nel tempo sul fronte mobiliare e immobiliare. Fanno sapere durante una conferenza stampa il procuratore capo Salvatore Cappelleri, i sostituti procuratori Antonio Colonna e Roberto Fontana, insieme agli ufficiali della Finanza che hanno condotto le indagini. I destinatari delle misure di prevenzione sono in particolare due capi famiglia dai curricula criminali di assoluto spessore: nel tempo, infatti, la loro biografia si è arricchita di reati di truffa, associazione per delinquere, falso, furto, insolvenza fraudolenta e sostituzione di persona, reati per i quali i processi si sono conclusi con condanne definitive.

Il blitz dei militari del nucleo di polizia tributaria, è scattato nella mattina del 6 dicembre con l'ausilio anche dei baschi verdi. Nelle due case si trovavano 14 persone tra cui due bambini, che non hanno opposto resistenza ma si sono detti stupiti. I militari hanno potuto verificare come le case fossero extra lusso ma che a dispetto di tutte le finiture di pregio e dei mobili costosi, l'allaccio della luce era effettuato con cavi scoperti collegati a un attacco per camper e roulotte posto al di fuori delle abitazioni.  L'allaccio abusivo alla rete elettrica pubblica garantiva poi consumi elevati a costo zero. Un'operazione molto pericolosa, hanno dichiarato. Le ville erano state costruite nel 2005 e finite nel 2009 in totale abusivismo e non sono mai state accatastate: non c'è traccia di loro nel comune di Cadeo, pertanto non hanno quindi mai pagato oltre alle utenze, tutti quei servizi erogati. E proprio su questo le fiamme gialle stanno ancora indagando. 

«I risultati ottenuti dall'perazione confermano il costante impegno della guardia di finanza, in perfetta sinergia con l’autorità giudiziaria piacentina, nel contrasto delle attività illecite. Rappresentano uno stimolo concreto a proseguire sulla strada delle misure di prevenzione quale strumento di contrasto all’illecito accumulo di patrimoni illeciti nella nostra provincia e all’immissione di denaro di provenienza illecita nei circuiti legali dell’economia», hanno dichiarato i militari durante la conferenza stampa 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Noi non ce l’abbiamo fatta». Dopo 15 anni di attività la trattoria finisce in “svendita”

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Per 30 anni in prima linea, il 118 piange Antonella Bego. «Perdiamo una professionista e un'amica»

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

Torna su
IlPiacenza è in caricamento