Un assaggio di università: gli studenti liceali in Cattolica

Partnership tra l’Università Cattolica e i tre licei di Piacenza e Provincia, gli scientifici Respighi e Mattei di Fiorenzuola e il classico Gioia, che vedranno nelle prossime settimane oltre 60 studenti affollare laboratori e centri di ricerca dell’ateneo cattolico. Lezioni cattedratiche e laboratori

Partnership tra l’Università Cattolica e i tre licei di Piacenza e Provincia, gli scientifici Respighi e Mattei di Fiorenzuola e il classico Gioia, che vedranno nelle prossime settimane oltre 60 studenti affollare laboratori e centri di ricerca dell’ateneo cattolico. 
 
La collaborazione tra università e licei intende proporre agli alunni delle classi quarte stages ed esperienze di laboratorio per far sperimentare loro cosa significhi fare ricerca, e offra un’opportunità preziosa per farli avvicinare empiricamente alla dimensione dello studio scientifico, con particolare riferimento a facoltà come Agraria e Economia.

I primi a iniziare sono stati i 30 studenti delle quarte del liceo classico Gioia, impegnati per due settimane, dal 25 gennaio al 5 febbraio, nell’Istituto di Microbiologia della facoltà di Agraria sotto la guida del prof. Cappa, docente di Microbiologia agraria, e della prof.ssa Marialaura Fulgoni, referente del progetto per il liceo. “Uno studio apparentemente anomalo quello della Microbiologia per un istituto umanistico - dice - ma che in realtà il liceo piacentino sta portando avanti da ben sette anni”.     

Il 22 febbraio sarà la volta dello scientifico Mattei di Fiorenzuola che porterà in università per una settimana 4 studenti per uno stage del liceo coordinato dalla professoressa Annella Zoppi: gli istituti coinvolti saranno quelli di Chimica vegetale, Patologia ed Entomologia.
     
Nel mese di marzo sarà la volta dei 27 studenti dello scientifico Respighi, che saranno suddivisi tra le facoltà di Economia e Agraria. “Un’esperienza importante questa - dice il referente Stefano Quagliaroli - che stiamo portando avanti nell’ambito del progetto "Alternanza scuola-lavoro"”. “Due i vantaggi di cui i nostri studenti potranno godere attraverso questa preziosa esperienza - continua - e che ci tengo a mettere in evidenza: da un lato prendere contatto con l’università che sarà la loro prossima sede di formazione e dall’altro far acquisire i rudimenti del mondo lavorativo, che è fatto di impegno, di rispetto degli orari, di gerarchie e ruoli diversi, di opportunità, ma anche di vincoli. Una lezione che credo sarà importante”.
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frontale a Castellarquato: muore un uomo, altre due persone sono gravissime

  • Travolto da un Tir mentre cammina al buio sul cavalcavia, 24enne in fin di vita

  • Frontale lungo la Provinciale, muore in auto di fianco alla moglie

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da domani

  • Ennesimo tragico infortunio sul lavoro, agricoltore muore schiacciato dal trattore

  • Scontro Cavanna-Burioni sull’utilizzo della idrossiclorichina per combattere il Covid

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento