menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

A tu per tu con lo scultore. Il percorso artistico di Franco Pizzi raccontato agli Amici dell’Arte

Sala esaurita agli Amici dell'Arte dove il recente appuntamento della rassegna "I Giovedì degli Artisti", ha consentito di esplorare il variegato percorso artistico di Franco Pizzi, iniziato con la pittura, proseguito con l'incisione grafica per poi approdare alla scultura

Sala esaurita agli Amici dell’Arte dove il recente appuntamento della rassegna “I Giovedì degli Artisti”, ha consentito di esplorare il variegato percorso artistico di Franco Pizzi, iniziato con la pittura, proseguito con l’incisione grafica per poi approdare alla scultura. Dopo il saluto della presidente Franca Franchi, l’artista in dialogo con Fabio Bianchi, ha ricordato il suo iniziale interesse per la pittura figurativa moderna espressa con figure e immagini dinamiche, fantastiche e temi legati all’ecologia. Nel 1969 la sua prima mostra personale di grafica e pittura e alcuni anni dopo l’incontro e l’amicizia con Lodovico Mosconi. L’artista apprezza i dipinti e mostra interesse per alcune figure in argilla non cotta che Pizzi ha modellato per diletto e lo consiglia di presentarle a una mostra che è fase di allestimento dove suscita l’interesse che Mosconi aveva previsto. Pizzi trova gusto alla modellazione; dalla materia viva informe ricava racconti tridimensionali attraverso la creazione di forme stilizzate che comunicano la sensazione del loro essere. Nel 1975 la mostra alla Galleria Spelta di Piacenza ne decreta notorietà di scultore. Pizzi si appassiona sempre più all'arte dello scolpire, attività, confida, “che richiede molto lavoro fisico e mentale per esercitare la padronanza della materia”. Via via trasferisce nella massa-sostanza lle espressività umane: forme armoniose interrotte da lacerazioni che evocano travagli, ma anche forme slanciate verso l’alto; fuse nel bronzo, ma leggere e aeree; forme articolate che diventano espansioni del metallo. La materia prima inerte, trova una sintesi evolutiva fatta di nuove dimensioni, si apre a prospettive inattese in un’apologia della forma che svetta verso l’alto con una forte carica implosiva, orchestrata in perfetto equilibrio che, alla Galleria di Ada Zunino a Milano, trova slancio in una mostra di “fiori” che a volte negano la valenza figurativa a favore del valore simbolico. La mostra gli porta la fama e la consacrazione nazionale. L’intensa attività ha accompagnato Pizzi a molte e rilevanti manifestazioni artistiche italiane ed estere, dove ha ottenuto importanti riconoscimenti. Le sue sculture arricchiscono prestigiose collezioni pubbliche e private. Alcune decine di sue opere monumentali sono inoltre state scelte da Comuni, Chiese e altri enti a simboleggiare eventi legati ai propri territori.  Le sculture di bronzo inserite sono veri esemplari unici, non esistono copie perché sono fuse con l'antico metodo della "cera persa" senza stampo.           

LA BIOGRAFIA

Franco Pizzi, nato a Saliceto di Cadeo Piacenza. Si è diplomato all'Istituto d'Arte “Paolo Toschi” di Parma. Vive e lavora a Piacenza e a Tarsogno (Parma). Mostre più recenti: Bruno Missieri e Franco Pizzi all'Assessorato alla Cultura del Comune di Piacenza – personale, patrocinata dalla Regione Emilia e Romagna, al Museo dell'Emigrante a Tarsogno (PR) – personale alla Galleria Liba di Pontedera (PI), patrocinata dal Comune – personale “Sergio Agosti, Giancarlo Ossola, Franco Pizzi” alla Galleria La Cittadella (multispazi espositivi) di Alessandria – “Gli artisti e il tricolore”, all'Ambasciata d'Italia a Strasburgo, “Il Bronzo materia dell'anima” eccellenze moderne e contemporanee – nella Rocca sforzesca di Bagnara di Romagna, Biennale d'Arte di Lodi – personale alla Galleria “Rosso Tiziano” di Piacenza – “Uno zoo di nuvole” personale da “Beppe Arti” Piacenza – “Expo d'Automne” Mairie de Magny le Hongre Parigi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Case di riposo, quaranta ospiti in tutto il Piacentino rifiutano il vaccino

  • Cronaca

    In futuro vaccinazioni anche a Bobbio e a Bettola

Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento