rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Cultura

Al via il “Festival della cultura della libertà” con il professor Francesco Forte

Con l’anteprima di venerdì pomeriggio, ospite il prof. Francesco Forte, ha preso il via a Palazzo Galli-Banca di Piacenza, la seconda edizione del “Festival della cultura della libertà- Nuove frontiere, nuove sfide”

Con l’anteprima di venerdì pomeriggio, ospite il prof. Francesco Forte, ha preso il via a Palazzo Galli-Banca di Piacenza, la seconda edizione del “Festival della cultura della libertà- Nuove frontiere, nuove sfide”, il cui inizio è sabato 27  gennaio alle 10,30 con i saluti introduttivi dell’avv. Corrado Sforza Fogliani, del sindaco di Piacenza Patrizia Barbieri e del direttore del quotidiano Il Foglio Claudio Cerasa.

Il dottor Francesco Forte è nella terza età avanzata, ma gli anni non hanno minimamente scalfito la sua lucidità di pensiero espressa nei suoi scritti di economia, nella docenza universitaria in Italia e in America, (tra l’altro nel 1961 ha vinto il concorso di cattedra in Scienza delle finanze e viene chiamato da Luigi Einaudi a succedergli presso le facoltà di Giurisprudenza e Scienze politiche dell’Università di Torino); è stato senatore e ministro della Repubblica italiana, consulente di imprese, presidente di istituzioni: è autore o coautore di oltre 50 volumi di opere scientifiche e di diverse centinaia di saggi economici in italiano e inglese, in riviste e quotidiani italiani e internazionali. Intellettuale libero e irregolare, più volte ministro e sottosegretario, sempre al vertice di posti chiave, giornalista, accademico, economista.

Sala Panini gremita e manifesti consensi per il dialogo del professore con l’avv. Corrado Sforza Fogliani, il quale evidenzia come Forte conobbe e frequentò i piacentini avv. Pietro Nuvolone, il sociologo Francesco Alberoni, il prof. Gianfranco Galizzi della Facoltà d’Agraria e l’alto funzionario del ministero dei lavori Pubblici Domenico Cacopardo: quattro tra le numerose personalità descritte o richiamate nel libro “A onor del vero” (Rubettino editore), autobiografia politica e civile del prof. Forte, raccontata con la semplicità di chi non vuole celebrare alcunché, ma fornire “da un punto mobile, un po' lontano”, i trascorsi dell’autore e un'istantanea fedele dell'Italia intera, dal sorgere del Fascismo ad oggi. Un’opera, ha proseguito Sforza Fogliani, che costituisce un’antologia di eventi dando tante spiegazioni che nessun altro saggio o inchiesta giornalistica ha svelato. Le successive domande attraversano le 456 pagine del volume nelle quali Forte compie una lunga cavalcata nella storia di quasi un secolo. Un'autobiografia vigorosa e ricca, la cui forza maggiore è nella qualità delle informazioni di prima mano raccontate con passione e affilata ironia.  Scorrono eventi lineari e vicende più intricate della nostra democrazia. Avvenimenti e uomini che hanno segnato in maniera indelebile la storia degli ultimi decenni: l’uccisione di Mussolini e della Petacci, i fatti premonitori dell’”incidente“ all’aereo di Enrico Mattei”, l'ENI, Pier Paolo Pasolini, Roberto Calvi, Bettino Craxi, Silvio Berlusconi e Giorgio Napolitano. E ancora le Brigate Rosse e l’omicidio di Aldo Moro, Margaret Thatcher, il presidente americano Ronald Reagan e vicende nelle quali hanno avuto una parte da comparsa o da protagonista le oltre trecento persone annotate nell’elenco dei nomi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Al via il “Festival della cultura della libertà” con il professor Francesco Forte

IlPiacenza è in caricamento