Bettola in prima fila per difendere il Columbus Day negli Stati Uniti

Colombo è un patrimonio americano e dell'umanità. «I bettolesi si uniscono allo sdegno degli italiani d’America e lo rafforzano» ha dichiarato il sindaco Paolo Negri per la cancellazione del Columbus Day a Los Angeles

Diversi onorevoli e senatori del parlamento italiano eletti in collegi all’estero, come il caso dell’onorevole Fucsia Nissoli Fitzgerald per l’America del Nord, insieme ad altri parlamentari hanno presentato una mozione in difesa delle celebrazioni del Columbus Day in Usa, sotto attacco da parte di alcune associazioni minoritarie americane che agiscono senza approfondire il valore di tale anniversario. L’attacco va oltre Colombo, assume i connotati di un attacco alla tradizione, alla storia al 12 ottobre 1492. Si tratta di una ennesima prova di forza presente in Usa con scontri di piazza a difesa delle statue confederate dell’Unione. Un attacco ai simboli stranieri. Un compleanno non solo in ricordo di uno degli eventi più importanti degli ultimi 2000 anni di vita della Terra in quanto la scoperta dell’America ha comprovato teorie ed ha modificato la realtà e il contesto di tutto il nostro pianeta. Rinascimento, Galileo, Cartesio, Colombo, America, Nuovo Mondo, Rivoluzione Epocale sono solo alcuni nomi abbinati per ricordare la “presentazione” dell’America al Mondo Occidentale allora conosciuto. Nella mozione si impegna il Governo Italiano ad attivarsi politicamente per salvaguardare un evento che è patrimonio dell’Umanità, che coincide e rappresenta un insieme di passioni, impegni e soprattutto incarnati da Cristoforo Colombo. Nella mozione si chiede massima Unione fra parlamentari italiani all’estero e in patria a sottoscrivere la mozione. Inoltre la Comunità Italiana in Usa ha lanciato una petizione senza colore politico a difesa delle tradizioni e i legami fra americani e italiani.

“Una cosa concreta si può fare subito – esordisce con forza il sindaco di Bettola Paolo Negri – ovvero la sottoscrizione  della petizione rispondendo a:  https://www.change.org/p/salviamo-il-columbus-day-save-the-columbus-day-a4410cf5-dba5-4e12-aaa3-454ebc68ef2c” .“I bettolesi si uniscono allo sdegno degli italiani d’America e lo rafforzano”, rimarca il sindaco per la cancellazione del Columbus Day a Los Angeles. “ Cristoforo Colombo, un po’ genovese, un po’ savonese, ma anche molto bettolese, orgogliosamente e culturalmente di Torre Pradello esattamente – sottolinea il sindaco. Tramite Giampietro Comolli siamo in contatto diretto con i parlamentari italiani in Usa. Bettola, se viene confermato dal sindaco De Blasio il Columbus Day, sarà presente a New York a fianco dei sindaci di Genova e Savona, città che hanno legami con la famiglia Colombo. Bettola vuole rimarcare l’origine “valnurese” dei nonni e genitori di Cristoforo, quindi la famiglia. La famiglia è il primo segno di unità. Ci sono moltissimi piacentini e bettolesi che sono immigrati in Usa negli ultimi 150 anni, fondando imprese, diventando personaggi, svolgendo compiti utili per grandi comunità, molti difensori dei più deboli, altri pronti a difendere il suolo americano. Sono si “bettolesi” di origine, ma americani di vita. Questo è un grande esempio di integrazione di popoli, lunga e difficile, ma molto positiva. Bettola intende anche valorizzare l’origine piacentina di Cristoforo, una bandiera come San Colombano, San Sisto, Antonino anche in chiave di riscoperta e di attrazione turistica e di itinerari escursionistici”

Alcuni media americani cavalcano e interpretano la “scoperta” dell’America come una conquista, una sottomissione, un genocidio e chiedono di ristabilire una giustizia di 500 anni fa, in un contesto epocale diverso, con condizioni opposte, con necessità e usi diversi. Sicuramente un evento duro, con morti da entrambe le parti, come può essere una guerra civile che ha visto sudisti contro nordisti, o americani contro indiani. Cosa dovrebbero dire gli indiani d’America. Questi i commenti a caldo di Giampietro Comolli che da anni intrattiene rapporti con le comunità italiane migranti in Usa, con i parlamentari, soprattutto in occasione di Expo Milano quando in massa sono torniti in Italia e hanno ri-visitato luoghi di origine lungo il fiume Po da Torino a Venezia.  Grazie a Colombo, ed altri navigatori spagnoli e italiani, sono arrivati in Europa mais, patate, pomodori…- chiosa Comolli – oggi simboli di una cucina italiana osannata da tutti, apprezzata anche dagli abitanti della California, dice Comolli. In particolare senza pomodoro non esisterebbe la pizza, o il ragù. Non avremmo la polenta. Ma soprattutto Piacenza non sarebbe la capitale mondiale della “conservazione culturale del cibo” che è un valore sempre più attuale, fondante il principio del non-spreco, del riuso, del saper recuperare fonti alimentari per i più bisognoso, i pellegrini”    

Quindi Cristoforo Colombo uno dei tanti uomini coraggiosi e figura storica, non leggendaria, che ha saputo unire due mondi, favorire scambi, contaminazioni che hanno permesso un cambio epocale.  Figura che ha iniziato un nuovo sviluppo e crescita economica, da studiare, non da annientare. Da qui a parlare di genocidio a senso unico ce ne corre, rafforza Negri, e le organizzazioni italo-americane si sono tutte mobilitate e hanno proposto che all’ingresso di ogni sede di comunità italiana sia posta una statua di Colombo in modo che nessuno possa distruggerla.

IL GOVERNO SI IMPEGNI A DIFENDERE IL COLUMBUS DAY - L'onorevole Fucsia Nissoli, coordinatrice Forza Italia nel Nord e Centro America, ha presentato, ieri, con il suo Gruppo parlamentare, una mozione in difesa delle celebrazioni del Columbus Day in USA, attualmente sotto attacco da parte di alcuni americani che non hanno capito il valore di tale manifestazione. Nella mozione si impegna il governo "ad attivarsi sul piano politico e diplomatico affinche' sia salvaguardata l'eredita' culturale italiana in Usa e la figura simbolo di tale eredita' incarnata da Cristoforo Colombo". "Inoltre, chiedo- dice Nissoli- anche ai parlamentari di altre forze politiche di sostenerla sottoscrivendola; mentre agli italiani del Canada chiedo di unirsi a noi residenti in USA per sostenere il Columbus Day mantenendolo in vita cosi' com'e' adesso; l'unione fa la forza!".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Al fisco 5mila euro e lavoratori in nero ma in casa un tesoro da mezzo milione: ristoratori indagati

  • Piacenza e l'Emilia-Romagna in zona arancione: quello che c'è da sapere

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • Animale sulla strada, si ribalta tra il guard rail e il muro di una casa

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

Torna su
IlPiacenza è in caricamento