Lunedì, 18 Ottobre 2021
Cultura Ferriere

Biblioteca comunale di Ferriere, bilancio positivo ad un anno dall'apertura

La classificazione, la disposizione, l’apertura e il prestito libri: un ciclo integrato interamente gestito dal volontariato

Una biblioteca ben strutturata frutto di un percorso che ha fatto emergere una passione per la cultura. Ci riferiamo alla struttura formativa di Ferriere, dove un anno fa a seguito di una donazione di circa 250 libri effettuata dalla signora Piera Cavanna Farinotti di Rompeggio, il Comune aveva messo a disposizione uno spazio nella ex sala dei matrimoni destinandolo a Centro di lettura. Il gesto di  Cavanna Farinotti  è risultato prezioso e molto proficuo perché il riferimento culturale si è via via ingrandito conquistando sul campo il riconoscimento di Biblioteca e nei giorni scorsi allo scoccare del primo anno di attività il bilancio è stato più che favorevole: gli iscritti al prestito sono 270 e i prestiti effettuati più di mille; la dotazione libraria ha superato la quota di 6400 volumi, e l’ampio locale, che all’inizio era sovrabbondante, inizia a palesarsi insufficiente.

Alla base del successo c’è - oltre al propedeutico dono della signora Cavanna - il Comune che ha supportato l’iniziativa procurando anche idonee scaffalature. Il piccolo miracolo culturale è però del volontariato: una schiera di anonimi donatori di libri importanti e in buono stato e, soprattutto, la dedizione di Lidia, Giusi, Maria, Angéline e Marisa che per mesi hanno svolto e svolgono con professionalità un lavoro che richiede metodo, cultura e pazienza qual è la complessa registrazione dei titoli in entrata, la catalogazione cartacea e informatizzata e l’apertura della Biblioteca nei giorni di martedì e sabato dalle 10 alle 12.30.

La biblioteca è a scaffale aperto con la conseguente possibilità per gli utenti di accedere direttamente ai volumi e su sezioni separate per adulti e per ragazzi. Sono presenti anche libri in lingua originale (soprattutto francese e inglese) e in una specifica sezione sono a disposizione pubblicazioni sulla cultura e la storia locale. Due i cataloghi a disposizione per autore e per soggetto. Tutti i libri possono essere chiesti in prestito salvo alcuni che fanno parte di collezioni più importanti che vanno consultati in biblioteca.

Per prendere in prestito i libri è necessaria l'iscrizione che è gratuita e aperta a tutti i cittadini italiani e stranieri di qualunque età, sia residenti a Ferriere che provenienti da altri comuni. Il boom delle richieste ha coinciso con la stagione turistica estiva, ma molto significativa e costante è la richiesta dei residenti nel capoluogo e nelle frazioni.

Qualche dato anagrafico sui lettori: prevale il sesso femminile (circa il 64%), con una fascia d’età compresa tra i tre e gli ottantanove anni. Gli autori più letti nel primo anno di attività tra gli adulti, sono stati Simonetta Agnello Hornby, Gianrico Carofiglio, Silvia Avallone, Marco Franzoso, Andrea Camilleri, Andrea Vitali, Philip Roth, Fred Uhlman,'Ala al-Aswani, Agatha Christie e Antonio Spinosa, per citarne solo alcuni. Tra i giovanissimi, gli autori preferiti mostrano di essere Geronimo Stilton, Prunella Bat, Roald Dahl, P.D. Baccalario e Michael Ende.

Le operatrici stanno pensando al programma 2019 che tra gli obiettivi si propone anche quello di  organizzare conferenze e presentazioni di libri da parte degli autori, proseguendo gli incontri avviati con le conferenze tenute dal prof. Giuseppe Dossena che molto favore hanno riscosso durante la stagione estiva appena conclusa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Biblioteca comunale di Ferriere, bilancio positivo ad un anno dall'apertura

IlPiacenza è in caricamento