Caminata, dal Po alla sorgente percorrendo la Valtidone

L'evento, organizzato dall'associazione "Sentiero del Tidone" in collaborazione con l'amministrazione comunale e la Pro Loco locale, ha visto un elevato numero di partecipanti che ha seguito con molto entusiasmo e ha fornito suggerimenti utili e richiesto informazioni sul percorso

L'evento, organizzato dall'associazione "Sentiero del Tidone" in collaborazione con l'amministrazione comunale e la Pro Loco locale, ha visto un elevato numero di partecipanti che ha seguito con molto entusiasmo e ha fornito suggerimenti utili e richiesto informazioni sul percorso.

A fare gli onori di casa il sindaco De Falco che ha voluto ringraziare tutti i partecipanti e i vari amministratori del comune dell'alta Val Tidone presenti nella sala comunale, sede dell'evento: “Caminata è un piccolo meraviglioso borgo ed è ben lieto di ospitare questo evento. Le bellezze di Caminata sono rappresentate dalle verdeggianti colline, dalle costruzioni in sasso, dalla Chiesa Prepositurale, dal Tidone. E’ proprio lungo il Tidone che si snodano i sentieri più belli e suggestivi di tutta la vallata: la Via degli Abati ed il Sentiero del Tidone. Quindi un plauso agli ideatori di questa importante iniziativa: l’Associazione Sentiero del Tidone e la locale Pro Loco, appena nata ma già distintasi per importanti iniziative. L’amministrazione comunale di Caminata farà sempre del suo meglio per favorire ed appoggiare gli amici dell’Associazione Sentiero del Tidone e dare ogni supporto alle loro iniziative”

A seguire, il presidente della Pro Loco Luigi Bonoldi ha voluto a sua volta sottolineare l’importanza del sentiero: “Ritengo che il Sentiero del Tidone sia la piu' significativa e interessante via di tutta la valle aperta da un'associazione privata. Questo sentiero unisce fisicamente, ma anche idealmente, i diversi centri, dal Po fino alla sorgente attraverso la zona dei vigneti per terminare in prossimita' dei boschi montani. La Pro Loco di Caminata, mentre plaude all'iniziativa, si attivera' per costituire un punto di collegamento e di assistenza sia per chi vorra' sostare brevemente ma anche per i turisti che vorranno alloggiare nel borgo”

Daniele Razza, presidente del Sentiero del Tidone, ha voluto innanzitutto ringraziare per l'ospitalità ed in particolar modo il vice sindaco Simona Traversone per l'organizzazione della manifestazione e ha voluto presentare i vari consiglieri presenti ed illustrare le peculiarità del progetto: "Un'idea nata nel 2012 - ha dichiarato il presidente - grazie al fondamentale impulso di Mario Capucciati, promotore e vera anima del progetto. Da quest'anno stiamo puntando tantissimo sulla promozione e questa serata rappresenta il terzo appuntamento in cui incontriamo la gente che risiede nei vari comuni attraversati dal percorso. In tutte le occasioni abbiamo riscontrato parecchio interesse e abbiamo fornito informazioni utili: per noi diventa fondamentale la collaborazione con qualunque tipologia di soggetto (amministrazione, associazione, privati, aziende) e far conoscere questa realtà che permette di conoscere, attraversandola, la bellissima Val Tidone. E' nostro compito far capire che, dietro alla continua manutenzione del sentiero che richiede moltissime energie tempo e denaro, c'è un'associazione che è sempre alla ricerca di volontari e nuovi associati, affinché il progetto possa continuare. Le tessere, unitamente a qualche contributo privato, sono le uniche fonti di sostentamento della nostra aggregazione: per ogni informazione è possibile contattarci tramite il sito www.sentierodeltidone.it, l'email info@sentierodeltidone.it oppure la pagina Facebook 'Sentiero del Tidone'. Caminata è uno snodo cruciale perché nel suo territorio convergono sia la Via degli Abati che il Sentiero del Tidone: la possibilità pertanto di accedere a Bobbio (attraverso la via degli Abati) e al guado di Sigerico (che dista meno di un chilometro da Boscone Cusani) permetterebbe ai pellegrini di poter accedere anche alla Via Francigena. Questo è un punto di forza che noi tutti soggetti interessati (associazione, pro loco e amministrazione) lavorando in sinergia potremmo sfruttare, in modo da poter creare turismo, cultura e soprattutto possibilità lavorative per gli abitanti della zona: auspico che tutto questo si possa concretizzare con progetti specifici nel giro di breve tempo e grazie alla fattiva collaborazione con altri enti pubblici e privati locali”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Scaraventano un cancello contro la polizia per scappare dopo il colpo: quattro arresti

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • L'annuncio di Bonaccini: «La regione torna “zona gialla” da domenica»

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

Torna su
IlPiacenza è in caricamento