rotate-mobile
Cultura

"Capitale della cultura italiana 2020", rinviata la decisione

Il 15 novembre doveva essere annunciata la lista delle dieci città in corsa per il prestigioso riconoscimento. Piacenza dovrà aspettare ancora per conoscere la sua sorte. Partecipano in 31, scelta la giuria

Piacenza dovrà aspettare per conoscere la sorte della sua candidatura a "Capitale della cultura italiana 2020". E' stata infatti rinviata la decisione del MiBact - il ministero dei beni culturali - per la scelta delle dieci città che si contenderanno il prestigioso riconoscimento. Delle 31 città che partecipano al bando, era prevista per oggi, 15 novembre, la riduzione a dieci. La "top ten" di città si sarebbe poi contesa in questi mesi il titolo. Il Mibact ha però stoppato tutto: non ci sarà una risposta in giornata e l'ufficializzazione è stata posticipata - pare - a dicembre. Ci sarebbero stati, all'origine dello slittamento, dei rallentamenti amministrativi, all'interno della giuria di selezione, oltre alla possibilità di cambiamenti nelle categorie dei criteri di valutazione. Fanno parte della giuria, decisa in questi giorni, Stefano Baia Curioni, Franco Iseppi, Cristina Loglio e Giuseppe Piperata - che già avevano affrontato questa esperienza -. Accanto a loro anche Fabio Renzi (Regione Marche), Antonia Pasqua Recchia (ANCI) e Francesca Cappelletti (UPI) in qualità di rappresentanti degli enti locali.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Capitale della cultura italiana 2020", rinviata la decisione

IlPiacenza è in caricamento