Confindustria Piacenza sarà un prezioso supporto per valorizzare il patrimonio della Ricci Oddi

Si chiamerà "Paesaggi d'Italia", la prima mostra scaturita dall’accordo siglato oggi, venerdì presso Confindustria Piacenza, tra il Presidente della Ricci Oddi Massimo Ferrari (con lui la direttrice Maria Grazia Cacopardi) ed il direttore dell’associazione industriali Cesare Betti (presente la vice Attilia Jesini)

Si chiamerà "Paesaggi d'Italia", la prima mostra scaturita dall’accordo siglato oggi, venerdì presso Confindustria Piacenza, tra il Presidente della Ricci Oddi Massimo Ferrari (con lui la direttrice Maria Grazia Cacopardi) ed il direttore dell’associazione industriali Cesare Betti (presente la vice Attilia Jesini). “L'accordo –ha precisato Betti- è stato fortemente voluto dal presidente Alberto Rota fin dal suo insediamento, come prosecuzione di una sensibilità verso l’arte ed il patrimonio artistico piacentino, che già si era esplicitato con il presidente Magnaschi; in occasione della sua scomparsa era stata donata alla Galleria una scultura di Oreste Labò. Per questo- ha detto Betti- da sempre la nostra associazione è sensibile ai temi artistici ed organizzando mostre ed eventi. Grazie a questa collaborazione, sarà la Ricci Oddi ad organizzare presso di noi esposizioni, curandone ogni aspetto, dalle presentazioni, ai temi, ai cataloghi”.

La convenzione ha valenza triennale “proprio a sottolineare la volontà- ha chiarito il Presidente Ferrari- di consolidare queste iniziative. Tutto il Consiglio unanimemente (in particolare Leonardo Bragalini ha curato l’allestimento ed il catalogo), si è messo a disposizione per eventi esterni alla galleria e siamo intenzionati a stringere collaborazioni con partner istituzionali. Abbiamo problemi cronici di spazio, e attività come queste ci consentono di far conoscere e apprezzare opere che non riusciremmo altrimenti a far conoscere perché una parte non sono neppure esposte”. Ed ha citato l’esperienza estiva a Bobbio per far conoscere a una platea più vasta le ricchezze della Ricci Oddi che registrato lo scorso anno 12.000 ingressi. La mostra che sarà inaugurata presso Confindustria lunedì 24 ottobre alle 18,30, resterà aperta fino al 28 aprile, visitabile per tutta la cittadinanza durante gli orari di apertura dell’associazione in via IV Novembre al Cheope.

“Paesaggi d'Italia” proporrà una selezione geografica di autori che raccontano stagioni e luoghi dell’Italia, colti nelle diverse stagioni; i quadri esposti saranno 18 e vi saranno opere di importanti artisti tra cui Callderini, Bruzzi, Vittori e Ghittoni. Il progetto prosegue l’iniziativa, varata nel 2006, attraverso la quale 13 artisti locali hanno esposto loro opere presso l’associazione degli industriali. L’accordo con la Ricci Oddi intende dunque proseguire questo percorso culturale, mettendo a disposizione dei cittadini il nostro straordinario e non troppo conosciuto patrimonio locale che va adeguatamente promosso e valorizzato. "La galleria, nella persona di Leonardo Bragalini, ha quindi curato la mostra che sarà inaugurata il 24 ottobre alle 18 e 30.

riccioddifirma-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Noi non ce l’abbiamo fatta». Dopo 15 anni di attività la trattoria finisce in “svendita”

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Per 30 anni in prima linea, il 118 piange Antonella Bego. «Perdiamo una professionista e un'amica»

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

Torna su
IlPiacenza è in caricamento