Il vescovo di Lodi monsignor Malvestiti in visita alla cappella affrescata dai Bembo

Monsignor Maurizio Malvestiti ha visitato oggi pomeriggio la cappella affrescata da Bonifacio e Benedetto Bembo nella Rocca di Monticelli d'Ongina

Il vescovo di Lodi mons. Maurizio Malvestiti ha visitato oggi pomeriggio la cappella affrescata da Bonifacio e Benedetto Bembo nella Rocca di Monticelli d’Ongina. Solo amore dell’arte e di una pregevole testimonianza di religione? C’è da chiedersi. In realtà, c’è una ragione specifica. La cappella (in verità, una cappellina) venne fatta affrescare da Carlo Pallavicino, signore della parte dello stato pallavicino che era costituito da Monticelli e dintorni, allorché egli venne consacrato vescovo di Lodi. Volle, cioè, che la cappella della Rocca nella quale celebrava la messa durante la sua permanenza a Monticelli fosse resa più consona alla sua dignità ecclesiastica. Fu così che il lavoro venneaffidato a Bonifacio Bembo, pittore bresciano/cremonese molto in voga, che non riuscì peraltro a condurre a termine l’affrescatura se non con l’aiuto del fratello Benedetto, e questo nella prima metà del XV secolo. La cappella (oggi di proprietà della parrocchia di Monticelli, che acquistò l’intera Rocca per destinarla ad iniziative sociali nel 1967 dai proprietari marchesi Casali di Monticelli) presenta così un eccezionale esempio di pittura italiana del ‘400, così come ha recentemente sottolineato, durante una sua visita, anche Vittorio Sgarbi.

Mons. Malvestiti, che era accompagnato dall’avv. Corrado Sforza Fogliani, è giunto a Monticelli nel primo pomeriggio, accolto – oltre che dal parroco don Tarcisio Frontini - dal sindaco del capoluogo avv. Gimmi Distante, dal comandantedella locale stazione dei Carabinieri lgt.Vincenzo De Luca eda altri.Il vescovo non si aspettava tanta bellezzadegli affreschi della cappella e una così buona condizione degli stessi a suo tempo – come noto – restaurati dalla Banca di Piacenza. In particolare, è rimasto mirabilmente colpito dalla volta della cappellina e si è particolarmente soffermato ad ammirare l’affresco dell’ultima cena nel quale, come noto, Giuda, il traditore, appare separato dagli altri apostoli e da Gesù, al di qua della tavola. Dal canto loro, gli apostoli sono dipinti come intenti a conversare tra di loro, con vesti caratterizzate da continue pieghe e con occhi grandemente espressivi.

Ammirata la cappella di Monticelli, il vescovo ha lasciato il capoluogo diretto a Pianello (dove ha reso visita a don Luigi Occhi, impossibilitato a raggiungere il santuario di Madonna del Monte) per poi proseguire per quest’ultima località per la celebrazione della messa e parteciparein seguito alla consegna da parte del prefetto del Premio solidarietà per la vita – giunto alla ventisettesima edizione - al prof. Luigi Cavanna.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • Scaraventano un cancello contro la polizia per scappare dopo il colpo: quattro arresti

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

Torna su
IlPiacenza è in caricamento