menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

In Sant'Antonino il ricordo di monsignor Gianfranco Ciatti a dieci anni dalla morte

Lunedì prossimo, 16 gennaio, alle ore 18, nella chiesa cittadina di S. Antonino, verrà celebrata una messa a dieci anni dalla morte di monsignor Gianfranco Ciatti, sacerdote che ha dedicato gran parte della sua vita all’organizzazione e al potenziamento dei mezzi di comunicazione diocesani

Lunedì prossimo, 16 gennaio, alle ore 18, nella chiesa cittadina di S. Antonino, verrà celebrata una messa a dieci anni dalla morte di monsignor Gianfranco Ciatti, sacerdote che ha dedicato gran parte della sua vita all’organizzazione e al potenziamento dei mezzi di comunicazione diocesani. Nato a Piacenza il 19 novembre 1931, ordinato sacerdote il 12 giugno 1954, ha iniziato la sua attività pastorale come curato a Castell’Arquato, ma il suo impegno in diocesi si è distinto soprattutto nel settore della comunicazione giornalistica.

Nel 1962 viene trasferito, sempre come  curato, nella parrocchia cittadina di Santa Teresa, ma nel 1964 entra nella redazione de “Il Nuovo Giornale”, il settimanale diocesano di cui, nel 1973, diventerà direttore subentrando a don Giuseppe Venturini, chiamato ad incarichi nella comunicazione cattolica a livello regionale e poi nazionale.

Guidò il giornale fino al dicembre del 1999 dopo averlo saldamente legato alla realtà piacentina (in una precedente riforma si pensava ad una realtà giornalistica cattolica regionale con una redazione piacentina formata da semplici corrispondenti). Dopo “Il Nuovo Giornale” ha assunto la direzione della radio diocesana “Radio Città Nuova”, ora chiusa, provvedendo al suo rilancio. E’ stato, quindi, un organizzatore e la comunicazione giornalistica diocesana gli è particolarmente debitrice come si può desumere nelle pubblicazioni storiche finora fatte sul giornalismo cattolico piacentino. Monsignor Ciatti è stato anche canonico di Sant’Antonino (con il titolo di Gregorio X) e in questa parrocchia, in momenti di sede vacante, ha avuto anche incarichi di reggenza. Nel 1994 ha avuto il titolo di Cappellano di SS con il titolo di “monsignore”. E’ morto il 16 gennaio 2007.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento