La Rocca di San Giorgio al centro di un’iniziativa per la promozione del patrimonio storico-architettonico

In calendario tre approfondite visite tematiche; la prima è domenica 15 aprile

La storia può essere conosciuta e apprezzata non soltanto attraverso le pagine dei libri, ma anche passeggiando per le strade e per le piazze delle antiche città che la riguardano. E’ questa una riflessione condivisibile, solo se e il cammino è guidato da persone che alla lettura dei libri hanno dedicato rilevante parte della propria vita maturando conoscenza e cultura dei luoghi. E’ il caso dell’associazione culturale ARCHISTORICA che accomuna passione per l’Arte e per la Storia e competenze in progetti di riscoperta e divulgazione del patrimonio culturale italiano, con particolare attenzione al territorio piacentino.

Ne è esempio il nuovo stimolante progetto "LA ROCCA NOVA DI S. GIORGIO", pensato per la promozione culturale della splendida residenza fortificata dei conti Gazzola (secc. XVI-XVII), situata nel comune di S. Giorgio Piacentino dove costituisce un raffinato connubio tra architettura difensiva e palaziale. Unica nel suo genere è impostata come una torre-baluardo, circondata da fossato e già predisposta per la guerra con armi da fuoco, ed è altresì sormontata da un elegante apparato di abbaini con torre sotto e merlature neo-ghibelline, aggiunte nei primi anni dell’Ottocento su progetto di Antonio Tomba, nipote del famoso architetto Lotario.

Alla luce di tali peculiarità, nonché del suo antichissimo retaggio artistico, “Archistorica” ha posto la Rocca al centro di una nuova importante iniziativa per la promozione del patrimonio storico-architettonico piacentino, con particolare attenzione agli antichi insediamenti fortificati di attestazione tardo-romana ed alto-medievale, attorno ai quali si sono addensati nel corso dei secoli borghi e centri abitati, ancora oggi fiorenti.

La proposta, presentata dall’architetto Manrico Bissi con il proprietario del fortilizio conte Leonardo Gazzola di Settima, intende far conoscere al pubblico questo suggestivo complesso, attraverso una serie di TRE VISITE GUIDATE A TEMA che spazieranno dagli interni affrescati, alle antiche vestigia celate nel verde del vasto parco circostante; ogni giornata sarà inoltre arricchita dalla partecipazione di gruppi di ricostruzione storica ed esibizioni che permetteranno ai visitatori di immergersi nell'epoca trattata di volta in volta. L’iniziativa supera la semplice dimensione “turistica”, proponendo una più ampia indagine storica in chiave architettonico-urbanistica, ossia strettamente legata alla lettura del territorio.

Le visite, tutte a cura dell'arch. Manrico Bissi, si terranno in 4/5 turni per ogni giornata; occorre prenotarsi, in quanto negli ambienti interni non saranno ammesse più di 25 persone per volta.

Il primo evento è fissato per DOMENICA 15 APRILE: “IL CASTELLO DEGLI ENIGMI”. La visita non si limiterà soltanto alla descrizione tipologica e artistica del fortilizio (di cui si visiteranno compiutamente le sale interne e i seminterrati), ma indagherà anche le sue possibili ascendenze medievali, presentando al pubblico l’ipotesi che l’attuale Rocca sia sorta tra Cinque e Seicento, laddove già nell’alto Medioevo era stato costruito il primitivo avamposto (sec. X) a difesa della pieve di S. Giorgio. Il percorso sarà integrato dalla proiezione di una breve presentazione in Power Point nella quale si evidenzieranno le tematiche storiche legate al passato longobardo e altomedievale del Borgo e delle sue fortificazioni. Sarà inoltre possibile acquisire conoscenza della storia e della vita quotidiana delle principali famiglie (e dei loro più illustri esponenti) che ne hanno mantenuto il possesso dal Seicento a oggi.

SUCCESSIVI APPUNTAMENTI: Domenica 17 Giugno:– “L'onore Delle Armi”, in collaborazione con l'Associazione Gens Innominabilis (gruppo di ricostruzione storica medievale di Castell'Arquato);

- Domenica 2 Settembre: “Il Giardino Dei Segreti”, in collaborazione con l'Associazione Noblesse Oblige (figuranti in costume ottocentesco di Salsomaggiore Terme).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

Torna su
IlPiacenza è in caricamento