I documenti dell’autonomia di Piacenza ai tempi di Maria Luigia

Una raccolta di preziosi manifesti acquisiti dalla Banca di Piacenza ed esposti a palazzo Galli testimonia l'indipendenza della nostra città da Parma

Uno dei documenti che attesta l'autonomia di Piacenza

Sono manifesti datati da Piacenza e risalenti a diverse epoche antecedenti e successive al periodo nel quale la duchessa abitò per alcuni mesi in città a Palazzo Mandelli. La duchessa Maria Luigia pubblicava i propri provvedimenti sia a Piacenza (datati Piacenza) sia a Parma (datati Parma) e ciò in applicazione dell’atto finale del Congresso di Vienna che le aveva affidato “i Ducati di Parma e Piacenza” (non, il Ducato di Parma e Piacenza).

Si va dal proclama del 12 marzo 1831 col quale Maria Luigia dichiarava “nulli e come non avvenuti tutti gli Atti emanati dal potere ribelle esercitato nei Nostri Stati” (gli atti, cioè, del Governo provvisorio costituito a Parma) al provvedimento con il quale la stessa Maria Luigia dichiarava “la fedele città di Piacenza” sede del governo “insino a nuovo ordine”. Sono tutta una serie di manifesti con provvedimenti di Maria Luigia che la Banca di Piacenza ha recentemente acquisito e che sono ora esposti al pian terreno di Palazzo Galli, nella sala antistante lo Spazio Arisi.

Risulta da un altro manifesto del governatore di Piacenza e “consigliere di stato effettivo” Luigi Bianchi, che durante il soggiorno a Piacenza della duchessa nel 1840, si sarebbe tenuta udienza “ogni settimana da un consigliere di stato al fine di ricevere le suppliche indiritte al Trono, e di darvi corso giusta le prescritte norme”. L’udienza settimanale si teneva il martedì, dalle 11 alle 3 dopo mezzogiorno, in una sala del palazzo, con l’avvertimento che questo sarebbe stato “l’unico mezzo legale per ottenere che le preci innalzate a Sua Maestà durante il suo soggiorno in questa città giungano all’alto loro destino”.

Un altro manifesto pubblica un sonetto diffuso in occasione della “rinnovazione del ponte di Trebbia vicino a Piacenza”. Un altro, decreta l’arresto degli “individui tutti, i quali, dal giorno della nostra partenza da Parma sino a quello dell’ingresso delle Truppe Austriache nella detta città hanno composto il governo rivoluzionario di Parma”. Una raccolta, in sostanza, di manifesti che sono di una rara preziosità illuminante su quei momenti e che valorizzano appieno la funzione di Piacenza nell’ambito del Ducato (o più correttamente, come visto, dei Ducati).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

Torna su
IlPiacenza è in caricamento