Nella Quarta Giornata Arisi un quadro reale dell'amicizia tra il professore e Ricchetti

I sentimenti di stima e amicizia che hanno unito Ferdinando Arisi e Luciano Ricchetti, testimoniati negli abstract dei relatori alla Giornata Arisi: Marico Bissi, Leonardo Bragalini e don Giuseppe Lusignani - pubblicati nei nostri servizi precedenti - sono stati rimarcati con ulteriori citazioni anche da Laura Bonfanti curatrice della quarta edizione della manifestazione, organizzata dalla Banca di Piacenza in sala Panini di Palazzo Galli.

A seguire Renato Passerini ha ricordato il florilegio di aneddoti, citazioni e notizie contenute nel libro tratto dal Diario di Oreste Grana “Sulle orme di Ricchetti con Arisi", G.M. editore, 2015,  quasi  una sceneggiatura di un tour fotografico, dettata da Arisi stesso ai generosi fotoamatori Oreste Grana, Camillo Murelli e Sante Benedetti per documentare le testimonianze artistiche lasciate da Ricchetti in tante località dentro e fuori la nostra provincia e, in particolare, in 27 chiese diocesane. Gli stessi fotoamatori avevano anche realizzato la documentazione fotografica del volume “Monumento di Fede, TIP.LE.CO 2000, preziosa eredità lasciata dal parroco mons. Teodoro Pallaroni, che illustra la storia della chiesa di Podenzano dove Ricchetti ha realizzato su grandi superfici un ciclo di affreschi tra i più significativi della sua vita artistica. Quelli che studieranno i nostri tempi – scrisse Arisi – vedranno che gli anni successivi al Concilio Vaticano II (1962-1965 n.d.r ) – attraverso le testimonianze artistiche lasciate da Luciano Ricchetti e Paolo Perotti che per l’arte sacra quelli non furono anni di crisi. E’ seguita la proiezione di un raro filmato, ripreso  da mons. Pallaroni nel 1975  nel quale si vede Ricchetti che dipinge la figura dell’evangelista san Marco nell’abside della chiesa.

La giornata Arisi è stata conclusa dal Presidente del C.d.A. della Banca di Piacenza Giuseppe Nenna che ha consegnato ai relatori preziose edizioni a stampa di una rara pianta topografica di Piacenza stampata a torchio mentre il Presidente del Comitato Esecutivo Corrado Sforza Fogliani, ha ricordato anche le amarezze che Arisi subì: nessuna autorità giurisdizionale ha però mai giudicato false, o falsamente attribuite, opere esposte in sue mostre. I suoi scritti e le opere sulle quali Arisi aveva espresso giudizi non sono mai state sottoposte ad alcuna perizia in contraddittorio e tanto meno ad alcun confronto con lui. Nonostante ciò che si è detto o lasciato intendere, Arisi non ha mai subito alcuna sanzione in sede giurisdizionale da alcuna autorità giudiziaria, né in primo né in secondo grado, né in via provvisoria né in via definitiva. I suoi sono stati 70 anni e più di fervida attività totalmente immacolata.

Nelle immagini

Luciano Ricchetti al lavoro nella chiesa di Podenzano, e alcuni suoi affreschi

Laura Bonfanti, curatrice della Giornata Arisi

Ferdinando Arisi, visto da Renato Vermi

Il ringraziamento del prof. Ferdinando ai fotoamatori Tino Benedetti, Camillo Murelli e Oreste Grana.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • Piacenza e l'Emilia-Romagna in zona arancione: quello che c'è da sapere

  • Animale sulla strada, si ribalta tra il guard rail e il muro di una casa

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

Torna su
IlPiacenza è in caricamento