Nucleo antico dell’ospedale, studenti del Romagnosi ciceroni per svelare le bellezze del patrimonio storico

Nell’ambito del progetto di valorizzazione del patrimonio storico, artistico e librario dell’Ausl di Piacenza, prosegue la collaborazione con l’istituto Romagnosi di Piacenza. Per il terzo anno consecutivo, gli studenti della scuola superiore diventano ciceroni per visite guidate, contribuendo a svelare alla comunità lo scrigno spesso sconosciuto di opere d’arte che si trovano all’interno dell’ospedale cittadino. 
Il primo appuntamento è fissato per il 18 gennaio: l’iniziativa si ripete poi fino a maggio, il primo e terzo mercoledì di ogni mese. 
Gli studenti della classe 3^ TUB sono stati appositamente formati per diventare accompagnatori, grazie alla preziosa consulenza di Marilena Fusconi, esperta in materia. I 19 ragazzi, infatti, frequentano proprio l’indirizzo turistico della scuola Romagnosi e l’esperienza di lavoro sul campo sarà per loro molto utile sia come test pratico di attività, sia come formazione. 
Quest’anno, insieme alle dottoressa Fusconi, sono stati previsti tre itinerari diversi: il primo relativo alla chiesa di San Giuseppe; un secondo che parte dall’ospedale grande e contempla l’antico ingresso e chiostro, nonché la tomba romana e le antiche mura fortificazioni; il terzo nell’ex monastero di San Sepolcro, con la Sala delle Colonne e la biblioteca storica. 
“Per i nostri studenti – commenta Silvia Rancati, l’insegnante che accompagna i giovani durante il progetto – è un’opportunità importante per affacciarsi nel mondo del lavoro e mettersi a disposizione della comunità. È un progetto utilissimo non solo per maturare crediti scolastici ma soprattutto per fare esperienza nel settore nel quale i ragazzi vorrebbero costruire il loro futuro”.
Contemporaneamente, la disponibilità e preparazione delle guide volontarie permette ai piacentini di andare alla scoperta di luoghi, libri e opere architettoniche che sono poco conosciute e altrimenti poco fruibili.  La prima visita guidata (itinerario nella chiesa di San Giuseppe) è in calendario per mercoledì 18 gennaio, dalle ore 15 alle 16. Per partecipare, è necessario prenotarsi telefonando al numero 0523.302016 dalle 9 alle 12 da lunedì al venerdì o scrivendo una mail a comunicazione@ausl.pc.it, indicando nome, cognome e recapito telefonico. Sono previste visite per piccoli gruppi (massimo 15 persone). Gli appuntamenti successivi sono in calendario, sempre di mercoledì, il 1 e 15 febbraio, il 1 e 15 marzo, il 5 e 19 aprile e il 3 e 17 maggio, nella stessa fascia oraria. 
Nel 2017 è previsto un’ulteriore evoluzione del progetto, con la realizzazione di pagine dedicate al patrimonio storico, artistico e librario dell’Ausl da pubblicarsi sul sito dell’azienda sanitaria, anche tradotte in lingue straniere dagli studenti stessi. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Noi non ce l’abbiamo fatta». Dopo 15 anni di attività la trattoria finisce in “svendita”

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Per 30 anni in prima linea, il 118 piange Antonella Bego. «Perdiamo una professionista e un'amica»

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

Torna su
IlPiacenza è in caricamento