Ostetriche, donne per le donne. Oggi giornata internazionale dedicata alle professioniste in rosa

A Piacenza ce ne sono 65 tra ospedale e consultori

Oggi, 5 maggio, ricorre la Giornata internazionale dell’ostetrica. A Piacenza si contano circa 65 di questa professioniste, tutte impegnate quotidianamente a promuovere la salute femminile in ogni età. Una cinquantina di esse lavora in ospedale a Piacenza; una quindicina è invece attiva nei consultori della rete territoriale; infine, a Fiorenzuola, negli ambulatori del presidio, ce ne sono a disposizione due. 
“L’ostetrica – evidenzia Cristiana Pavesi, responsabile assistenziale del dipartimento Materno infantile dell’Ausl di Piacenza - assiste e consiglia la donna nel periodo della gravidanza, durante il parto e nel puerperio”. In particolare, conduce e porta a termine con propria responsabilità gli eventi nascita naturali e presta assistenza al neonato. “Siamo in grado di individuare situazioni potenzialmente patologiche che richiedono l’intervento di un medico: quindi siamo noi stesse ad attivarlo, quando occorre”. E comunque, le ostetriche sono in grado di praticare, se ce ne fosse la necessità, le relative misure di particolare emergenza. “Più in generale – aggiunge Susanna De Guidi, coordinatrice ostetrica della rete consultoriale - obiettivo della nostra assistenza è quello di promuovere la salute femminile in ogni età”. Oltre all’educazione sessuale e pianificazione familiare, le professioniste contraddistinte dalla divisa rosa accompagnano la coppia nel percorso nascita: “L’azione di un’ostetrica è continua, dal counselling ostetrico pre concenzionale, alle visite e ai controlli durante la gravidanza, fino all’assistenza al parto”. Anche dopo, segue la diade mamma e bimbo e tutta la nuova triade familiare, promuove l’allattamento al seno e sostiene anche emotivamente la donna durante il puerperio.

Può occuparsi anche di preparazione e assistenza agli interventi ginecologici, alla prevenzione e accertamento dei tumori della sfera femminile (per esempio, eseguendo il pap test) e dell’accompagnamento della donna durante i forti cambiamenti che accompagnano la menopausa.  “Vogliamo garantire alle donne un modello di assistenza one-to-one: con le future mamme – completa Adonella Visconti, coordinatrice ostetrica della Sala parto - si instaura un clima di fiducia, che permette alle donne di sviscerare e definire dubbi, paure e richieste”. In particolare, durante il parto si favorisce la libertà di movimento e quella di adottare qualsiasi posizione , di gestire il dolore anche con metodi non farmacologici e di evitare la medicalizzazione, se non necessaria.
“Il nostro impegno – conclude - è poi quello di promuovere e sostenere l’allattamento e il bonding (legame profondo) tra madre e neonato fin dai primi istanti di vita”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • Farini, addio al ristoratore Adriano Figoni

  • Animale sulla strada, si ribalta con l'auto in un campo: ferito

Torna su
IlPiacenza è in caricamento