La proposta: "Un monumento ad Amedeo Guillet"

Pubblichiamo la proposta, a cura del sodalizio GenerazioneItalia Placentina, di intitolare un monumento a un piacentino valoroso, Amedeo Guillet. L'articolo scritto da Alessandro Massa

Avevo scoperto la sua esistenza una notte di mezza estate di qualche anno fa con un documentario de La storia siamo noi, su RaiTre. Era nato nella mia città, Piacenza, il 7 febbraio 1909. Era figlio sia del nord che del sud, di genti piemontesi e capuane. La sua gioventù l'aveva donata all'Italia, iscrivendosi all'Accademia Militare di Modena, da cui uscì con i gradi di sottotenente di Cavalleria nel 1931. Veniva chiamato Cummandar as Shaitan, Comandante Diavolo, e Ahmed Abdallah al Redai, ma il suo vero nome era Amedeo Guillet (nella foto). Scriveva di lui il grande Indro Montanelli: "se, invece dell'Italia, Guillet avesse avuto alle spalle l'impero inglese, sarebbe diventato un secondo Lawrence. È invece soltanto un Generale, sia pure decorato di medaglia d'oro, che ora vive in Irlanda, perché lì può continuare ad allevare cavalli e (a quasi novant'anni) montarli. Quando cade e si rompe qualche altro osso (non ne ha più uno sano), mi telefona…".

Lo storico Sergio Romano lo descriveva come "uno dei più audaci e spericolati ufficiali di cavalleria dell'esercito italiano in Africa Orientale. Dopo la disfatta del 1941, Guillet non volle abbandonare il Paese e divenne capo di una banda di cavalieri eritrei, etiopici e arabi, la Gazelle Force, che continuò a combattere dietro le retrovie dell' esercito britannico. Vestiva panni arabi ed era accompagnato da una giovane donna, figlia di un capo, bella, orgogliosa, audace come un guerriero. Cominciò così una caccia alla volpe in cui la volpe sbucava improvvisamente dalla boscaglia per colpire il cacciatore e scompariva all' orizzonte in una nuvola di polvere e sabbia. Qualche mese dopo, inseguito dagli inglesi, dovette nascondersi a Massaua. Era piccolo, asciutto, aveva i baffi, la barba corta, i capelli neri, sopracciglia folte, la carnagione piuttosto scura e parlava arabo. Non si chiamava più Guillet, ma Ahmed Abdallah al Redai. Per sopravvivere e sottrarsi alle ricerche degli inglesi fece l' acquaiolo sino al giorno in cui, aiutato dai suoi amici indigeni, poté attraversare il Mar Rosso e trovare rifugio nello Yemen dove strinse amicizia con la famiglia regnante. Quando vi tornò, molti anni dopo, come ministro d' Italia, l' Imam a cui presentò le sue credenziali, lo guardò con un sorriso e gli disse: «Sei tornato a casa finalmente»." Negli anni sessanta Amedeo Guillet partecipò a Londra ad un banchetto "durante il quale il generale Savory, comandante della IV Divisione indiana, raccontò le imprese dell' ufficiale italiano e parlò di una guerra cavalleresca «caratterizzata dallo spirito nobile dei soldati nell'adempimento del loro dovere da entrambe le parti»."

Le sue peripezie sono state raccontate in giro per il mondo. Uno dei suoi nemici, Vittorio Dan Segre, ex giovane ufficiale della Legione ebraica che prestava servizio nell'Intelligence britannico in Egitto, dopo aver rincontrato negli anni novanta Guillet a Roma ha scritto il libro La guerra privata del tenente Guillet(Corbaccio, 1993). E abbastanza recentemente un altro inglese, Sebastian O' Kelly, ha scritto Amedeo. Vita, avventure e amori di Amedeo Guillet. Un eroe italiano in Africa Orientale (Rizzoli, 2002). È morto a Roma il 16 giugno 2010. Il Corriere della Sera, con un bel articolo a firma di Aldo Cazzullo, ha fatto giustamente notare come Amedeo Guillet abbia dimostrato "che era possibile combattere bene la II guerra mondiale senza per questo diventare un fantoccio dei nazisti. Fino all' ultima pallottola fu al fianco dei suoi eritrei e contro gli inglesi. Poi, dopo l'armistizio, non esitò a seguire il suo re, il governo legittimo, l' Italia libera, contro l' invasore." Il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, lo ha ricordato come "uomo, diplomatico e politico di valore, generoso servitore del paese in guerra e in pace".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Smessa la spada Amedeo Guillet fu infatti ambasciatore nei paesi arabi, dalla Giordania al Marocco, e anche in India. I numeri possono dare solo qualche indizio della sua vita: tre guerre alle spalle, ferito cinque volte, ventisette decorazioni e un tatuaggio incisogli da un capotribù all'altezza del cuore. Con lui se ne va l'ultimo Cavaliere eroe di guerra italiano. Un uomo che partendo da Piacenza con le sue avventure ha scritto pagine affascinanti della storia d'Italia. Un uomo che la stessa storia italiana - quella scritta - ha per troppo tempo lasciato in disparte, e a cui dovrebbe essere tributato il giusto onore almeno oggi che ha lasciato questo mondo. La sua città natale dovrebbe quindi essere in prima fila nel ricordarlo. Per queste ragioni spero che Piacenza dedichi ad Amedeo Guillet un monumento, affinchè i piacentini degli anni venire possano guardando la sua statua viaggiare con la mente all'alto Egitto, allo Yemen, al deserto, all'oceano indiano ed essere orgogliosi di un grande italiano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro tra due camion in autostrada, muore 56enne piacentino

  • Si schianta in moto contro un'auto che fa inversione, giovane all'ospedale

  • Norme anti covid, multati due locali aperti dopo mezzanotte. Nei guai anche un cliente senza mascherina

  • Sbanda con l'auto e si ribalta, è grave

  • Ennesimo tragico infortunio sul lavoro, agricoltore muore schiacciato dal trattore

  • Ladri sfondano l'ingresso e portano via le bici da corsa, fallisce il colpo da Raschiani

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento