“Sosteniamoci”, a "La Ricerca” l'autoaiuto per chi assiste familiari non autosufficienti

 “Vogliamo aiutare chi aiuta”: i Servizi dell’Ascolto dell’associazione “La Ricerca” hanno deciso di potenziare i percorsi Ama (Auto-mutuo-aiuto) per le persone che si prendono totalmente cura di un proprio caro non autosufficiente, i cosiddetti “caregiver”, termine inglese entrato ormai nel gergo comune di pari passo con l’aumento di questo nuovo fenomeno sociale.

La persone “caregiver” – spiega Anna Papagni, referente dei gruppi Ama La Ricerca - può andare incontro a una condizione di continua agitazione, dovuta alla responsabilità assunta, divenendo a sua volta bisognoso di sostegno; quasi però non osa ammetterlo e neppure pensarlo”.

Si tratta in prevalenza di persone anziane (che si addossano l’assistenza del coniuge o di un figlio o figlia con problemi di salute mentale o handicap fisico), ma sono sempre più frequenti casi estremi di donne e uomini tra i 40 e i 50 anni, che talvolta arrivano a dover lasciare anche il lavoro per restare al fianco del proprio genitore molto anziano e ammalato o di un congiunto.

E’ a questi tanti “invisibili” interamente dediti all’assistenza di un familiare in difficoltà, e senza ricevere alcun compenso, che “La Ricerca” offre l’opportunità di trovare uno spazio di ascolto e di confronto con persone che stanno vivendo esperienze simili: dal confronto e dalla reciprocità possano recuperare fiducia in se stessi, forza ed equilibrio.

In questa iniziativa sono proposti sette incontri di gruppo, come sarà illustrato alla presentazione del nuovo percorso in calendario per lunedì 27 febbraio – alle 20,30 nella sede della “Ricerca” in Stradone Farnese 96.

La cadenza degli incontri è quindicinale, sempre di sera, alle 20,30, Questi i temi programmati:  “Come si conciliano gli aspetti della cura con le esigenze della famiglia?- Stress, ansia, preoccupazioni…gestione del quotidiano” (13 marzo), - “Accompagnare la persona cara. Dosare le risorse personali e conciliare stanchezza con richiesta di sostegno (27 marzo) - “Persone esterne in casa nostra. Fidarsi e scoprire nuove relazioni” (10 aprile) - “Sentirsi soli nell’assistere il malato. Condividere e imparare a confrontarsi” (20 aprile),

Nel mese di maggio: “Prendersi uno spazio per sé. Volersi bene per voler bene” (4 maggio) - “Punti di riferimento significativi - Il gruppo per poterne parlare liberamente.”.

Per info: 348.8557985 o via email annapapagni@laricerca.net / www.laricerca.net

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

Torna su
IlPiacenza è in caricamento