Una pubblicazione dedicata al senatore Spezia

Una messa per lui il 16 ottobre alla Sacra Famiglia a Piacenza

L'autrice Lucia Romiti

Domenica 16 ottobre viene ricordato con una messa nella chiesa della Sacra Famiglia a Piacenza il senatore Giovanni Spezia. La celebrazione alle ore 11 sarà presieduta dal parroco don Angelo Cavanna. L’uomo politico piacentino, eletto al Senato per due legislature dal 1976 al 1983, è morto nel 1994. A lui è dedicata una nuova pubblicazione della collana “Il centuplo quaggiù e l’eternità” edita dal settimanale “Il Nuovo Giornale” e scritta dalla giornalista Lucia Romiti.

Giovanni Spezia ha militato nelle file della Democrazia cristiana dal dopoguerra, convinto, secondo la lezione di Paolo VI, che la politica è la più alta forma di carità. Progressista da un punto di vista sociale e intransigente sui princìpi morali, Spezia, nato a Piacenza il 23 febbraio 1923, è stato negli anni amministratore pubblico in Consiglio provinciale, regionale e nel Comune di Nibbiano, alta Val Tidone. Funzionario Agip e padre di quattro figli, è rimasto vedovo molto presto della moglie Margherita Ghiozzi. Uomo di profonda fede, grande oratore e abile comunicatore, ha rappresentato a Piacenza la corrente morotea del partito democristiano. Si è fortemente impegnato nelle Acli e nella formazione politica dei giovani. È morto a Piacenza, dopo una breve malattia, il 16 ottobre del 1994.

spezia_COP-2

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • Scaraventano un cancello contro la polizia per scappare dopo il colpo: quattro arresti

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

Torna su
IlPiacenza è in caricamento