A Piacenza 7mila imprese non pagano la Camera di Commercio

Sono più di 7mila le aziende piacentine che non pagano il diritto annuale alla Camera di Commercio che risulta così debitrice di quasi 400mila euro dalle imprese locali

Sono più di 7mila le imprese piacentine non in regola con il versamento del diritto annuale camerale 2010; il 3% di questo totale ha di fatto eseguito il pagamento ma in modo incompleto mentre la parte più consistente non ha pagato il tributo dovuto alla Camera di commercio. La Camera di commercio è così creditrice di circa 387 mila euro dalle imprese locali.

CHI NON PAGA - La fetta più consistente di questo totale deve essere pagata da aziende artigiane (39,7%) e da aziende del commercio (26,3%). Seguono quindi le imprese agricole (che devono versare 52mila euro), quelle dei servizi (34.700 euro) e quindi quelle dell’industria (debitrici per 32mila euro). Il diritto annuale rappresenta la prima fonte di finanziamento della Camera di commercio.

PRIMA FONTE DELLA CAMERA DI COMMERCIO - Con le risorse che raccoglie sul proprio territorio la Camera eroga i servizi che tutelano il buon andamento del mercato e riversa nuovamente sull’economia provinciale il 37% delle risorse disponibili attraverso il finanziamento di progetti o la realizzazione diretta di iniziative promozionali. Gli oneri di funzionamento sono sempre sotto strettissima osservazione e sono stati progressivamente limati.

COME METTERSI IN REGOLA - Le 7.000 imprese che non hanno versato -del tutto o in parte- il diritto annuale del 2010, possono regolarizzare la propria posizione spontaneamente. In questo modo potranno beneficiare di riduzioni automatiche sulle sanzioni applicabili. Il rimedio è rappresentato dal ravvedimento operoso che può essere breve o lungo. Il ravvedimento è breve se il pagamento del tributo, degli interessi e delle sanzioni avviene entro 30 giorni dalla scadenza, è invece lungo se la regolarizzazione si esegue entro 1 anno dalla scadenza. Nel primo caso la sanzione applicabile è del 3,75% del tributo dovuto, nel secondo caso del 6%.

ENTRO AL 16 GIUGNO - E’ bene ricordare che nel caso del diritto annuale le sanzioni sono diverse rispetto a quelle previste per violazioni nel pagamento degli altri tributi. Il Contribuente che ha individuato omissioni od errori per eventuali incompletezze nella corresponsione del diritto annuale per l’anno 2010, può ravvedersi entro il 16 giugno prossimo.

Per le imprese già iscritte nel Registro delle Imprese, il termine per il calcolo dei 30 giorni o dell’anno entro cui poter beneficiare del ravvedimento, decorre dalla scadenza prevista per il versamento del primo acconto delle imposte sui redditi. Per le imprese e per le unità locali di nuova iscrizione, il termine per il calcolo dei 30 giorni o dell’anno entro cui poter beneficiare del ravvedimento, decorre dal 31° giorno successivo alla presentazione della domanda di iscrizione o di annotazione al Registro delle imprese.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 Le imprese che alla data del 1 gennaio dell’anno in corso non risultino in regola con il pagamento del diritto annuale relativo all’anno precedente non possono ottenere certificati dal Registro imprese e non possono neppure accedere ai contributi diretti messi a disposizione dalla Camera di commercio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore a 29 anni travolto da un furgone pirata

  • Un 28enne di Cadeo la vittima del tragico incidente a San Giorgio. E' caccia al furgone bianco

  • Frontale a Castellarquato: muore un uomo, altre due persone sono gravissime

  • Scontro Cavanna-Burioni sull’utilizzo della idrossiclorichina per combattere il Covid

  • Frontale lungo la Provinciale, muore in auto di fianco alla moglie

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da domani

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento