rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Economia Podenzano

Absolute Yachts, Piacenza in tutti i mari del mondo

L'azienda di Gariga, fiore all'occhiello del made in Italy, in dieci anni è diventata player di fama internazionale produttrice di yacht di lusso nelle categorie Fly, Sport e “Navette” dai 40 ai 72 piedi, con una gamma di prodotti di qualità apprezzata e riconosciuta dai più grandi esperti del mondo nel settore dell’industria nautica

Alzi la mano chi non ha mai sognato di possedere uno yacht ben attrezzato ed andarsene a zonzo per i mari, lontano dalla “pazza folla”. Un’aspirazione che pochi possono realizzare, ma che sottintende per chi li costruisce, professionalità, creatività tutta italiana, tecnologia e, direttamente, posti di lavoro.

Una delle aziende leader di questo particolare settore della nautica si trova ai Casoni di Gariga di Podenzano e “sforna” nel proprio ipertecnologico stabilimento costruito solo dieci anni fa, yacht che vanno in tutto il mondo, principalmente negli Usa, in Europa ed in parte anche in Italia: modelli che vanno da un costo di 300mila euro, fino a quelli più lussuosi che ne costano tre milioni, veri e proprio salotti viaggianti adatti a raggiungere tutti i porti del mondo.

La storia di Absolute Yachts comincia “nel Po”, quando Angelo Gobbi, titolare di una carrozzeria, inizia per passione a costruire motoscafi che si cimentano nelle corse di motonautica in voga sul “grande fiume”. Da lì, con il tipico spirito manageriale che contraddistingue tanti nostri cittadini, senza “clangor di buccine”, operando con umiltà, passione, creatività, Gobbi ha creato un’azienda leader in quel di Gropparello fino a quando la proprietà si è diversificata ed ampliata e ne è nata una società coesa di cui fanno parte lo stesso Angelo, Sergio Maggi, Paola Carini, Marcello Bè, Giuseppe Bertocci e Patrizia Gobbi.

Absolute in diecianni è diventata un’azienda di fama internazionale produttrice di yacht di lusso nelle categorie Fly, Sport e “Navette” dai 40 ai 72 piedi, con una gamma di prodotti di qualità apprezzata e riconosciuta dai più grandi esperti del mondo nel settore dell’industria nautica.

«Vogliamo far capire chi siamo e dove stiamo andando - ha ricordato Angelo Gobbi ad un qualificato parterre di giornalisti venuti da tutti i continenti in visita allo stabilimento piacentino - il mondo nautico è cambiato e la nostra società nel momento in cui c’è stato bisogno di fare sacrifici, ha compiuto quello che probabilmente nessun altro imprenditore della nautica ha prospettato: abbiamo investito ulteriori soldi, oliato nuovamente e riordinato la macchina. I nostri sono tutti tecnici, nati e cresciuti nella nautica, quindi con una fortissima quota di passione e dedizione all’azienda. È una famiglia allargata». 

Anche nei momenti della crisi mondiale, nella quale i beni di lusso sono scesi in picchiata, l’azienda ha retto: «Ci siamo adattati - rammenta Gobbi - abbiamo cambiato modelli e diversificato i Paesi; nel 2013 la consolidata ripresa del fatturato e la crescita; qui operano oggi 230 persone, con distinte professionalità, oltre all’indotto. E abbiamo sempre più investito: giunti al decimo anniversario di utilizzo per impianti, macchinari e infrastruttura in genere, la spinta indotta dalla crescita nei mercati e dalle maggiori dimensioni dei prodotti ha richiesto un adeguato aggiornamento e ampliamento di impianti e spazi a disposizione per tutte le fasi di produzione delle barche: la superficie coperta destinata alla produzione Absolute è passata così da 17.000 a 24.200 metri quadri».

A supporto di tutto ciò, è stato sottolineato, sono previste anche novità tecniche e, tra le molte, ecco le più significative: raddoppio del magazzino verticale robotizzato; raddoppio delle linee di montaggio; raddoppio delle piattaforme per carrozzerie e scafi; raddoppio dei sistemi di ventilazione del reparto laminazione; messa in opera di un sistema di alimentazione automatico della resina; nuovo centro di lavoro a controllo numerico per la falegnameria; sistema di stoccaggio e movimentazione automatica del legno compensato; nuovo layout ottimizzato per la movimentazione dei semilavorati.

Come si può arguire, si tratta di un’attività particolarmente complessa, che presuppone innumerevoli professionalità ed un patrimonio di conoscenze della navigazione che deve garantirne ilpiacere, nel rispetto del mare e della sicurezza sotto ogni aspetto. Da ciò si sfrutta, nelle lavorazioni, tutte le potenzialità della tecnologia, con bassi consumi, emissioni ridotte e minimi rumori dei motori (Volvo).

Le condizioni climatiche, le abitudini e le tradizioni che caratterizzano i differenti angoli del nostro pianeta hanno proposto un particolare metodo costruttivo volto a tener conto di tutta questa varietà. L’intera gamma di yacht Absolute è studiata per offrire la migliore esperienza di navigazione in ogni mare della Terra, un approccio che caratterizza la qualità delle imbarcazioni.

Tutte le barche vengono progettate ed assemblate a Gariga di Podenzano per avere sotto controllo tutto il ciclo ed in modo da ottimizzare i costi; si è formata così una “squadra” coesa, non piramidale che condivide metodi, problemi e soluzioni; si lavora tutti a stretto contatto.

«Una struttura - è stato evidenziato - sempre pronta a mettersi in gioco, a cambiare se è necessario, per recepire le esigenze dei clienti; una delle tante straordinarie aziende del made in Italy che tutto il mondo ci invidia e, per di più in questo caso, tutta piacentina».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Absolute Yachts, Piacenza in tutti i mari del mondo

IlPiacenza è in caricamento