Addio al giudice Giacomo Manfredi, storico pretore di Piacenza

E' scomparso nella notte del 19 dicembre il giudice Giacomo Manfredi. Storico pretore di Piacenza, i trovò ad essere giudice istruttore del tribunale in un momento particolarmente tribolato della vita giudiziaria piacentina (poteva, secondo l'ordinamento giudiziario di allora, avocare a sé le istruttorie pretorili), distinguendosi per equilibrio e linearità. Appassionato di storia medioevale e di libri antichi, lascia una preziosa biblioteca. Ultranovantenne, si era dedicato allo studio della lingua egizia. Per la banca aveva pubblicato il nostro primo libro - si legge in una nota - dedicato agli Statuti viscontei del Comune. Le esequie si terranno il 21 dicembre. 

Il sindaco Patrizia Barbieri, anche a nome della Giunta e del Consiglio comunale, esprime il proprio cordoglio per la scomparsa del giudice Giacomo Manfredi: “Un uomo che ha esercitato il proprio ruolo anche in momenti difficili, con grande professionalità ed equilibrio – afferma il primo cittadino – una figura esemplare per Piacenza. Di lui ricordiamo la linearità di giudizio e la competenza legislativa. Il giudice Manfredi era inoltre animato da un fervore culturale che lo ha portato a pubblicare alcuni volumi. Il suo profondo interesse per la storia antica e medievale lo ha visto protagonista di alcune opere che hanno lasciato il segno nella storiografia locale, come ad esempio, quella dedicata agli Statuti viscontei del Comune di Piacenza (editi dalla Banca di Piacenza). Anche per questa ragione sono convinta che la città gli debba molto”.   

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • Piacenza e l'Emilia-Romagna in zona arancione: quello che c'è da sapere

  • Animale sulla strada, si ribalta tra il guard rail e il muro di una casa

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

Torna su
IlPiacenza è in caricamento