menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Da sinistra: Giovanna Parmigiani, Philip Hogan, Nicolò Lo Picolo, Aldo Longo

Da sinistra: Giovanna Parmigiani, Philip Hogan, Nicolò Lo Picolo, Aldo Longo

Agricoltura e innovazione, Parmigiani porta la voce degli allevatori piacentini in Europa

Giovanna Parmigiani, allevatrice suinicola presidente della Federazione Nazionale di prodotto di Confagricoltura e vicepresidente di Confagricoltura Piacenza, è a Dublino per una due giorni che la direzione generale agricoltura del Parlamento Europeo ha organizzato dedicata alla promozione della comprensione delle conoscenze agricole e sistemi innovativi

Giovanna Parmigiani, allevatrice suinicola presidente della Federazione Nazionale di prodotto di Confagricoltura e vicepresidente di Confagricoltura Piacenza, è a Dublino per una due giorni che la direzione generale agricoltura del Parlamento Europeo ha organizzato dedicata alla promozione della comprensione delle conoscenze agricole e sistemi innovativi (AKIS).

L'obiettivo del percorso è evidenziare esempi pratici dei cambiamenti in atto negli approcci al trasferimento di conoscenze, l'apprendimento e l'innovazione nel settore agricolo, dello sviluppo rurale e della silvicoltura. "EIP-AGRI Seminar Promoting creativity and learning through agricultural knowledge systems and interactive innovation": questo il titolo dell'iniziativa che porta ancora una volta l’imprenditrice piacentina a far sentire la voce degli allevatori italiani in Europa. «E' un'opportunità per sviluppare nuove idee e sostenere l'apprendimento interattivo e innovativo – commenta Parmigiani – credo sia importante che i produttori prendano parte a queste iniziative a livello europeo, nonostante sia impegnativo allontanarsi seppur temporaneamente dalle incombenze in azienda, ma serve la nostra presenza in quanto portatori d’interessi e istanze di un settore che merita di essere rappresentato, ha esigenze specifiche anche in tema di modernizzazione e diffusione dell’innovazione. L'agricoltura 3.0, ad esempio, è una realtà che sta mutando il modo di organizzare e gestire le nostre imprese, servono però piattaforme condivise e correlate, adeguate infrastrutture e che i produttori siano supportati nel processo di cambiamento in corso anche con iniziative di formazione. Il percorso è interessante e sfidante al contempo».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Case di riposo, quaranta ospiti in tutto il Piacentino rifiutano il vaccino

  • Cronaca

    In futuro vaccinazioni anche a Bobbio e a Bettola

Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento