Agrisystem, il modo giusto per un’occupazione di qualità

Festa alla Fondazione di Piacenza e Vigevano per 14 nuovi dottori di ricerca per il sistema agro-alimentare

Il tavolo dei relatori

Multidisciplinarietà ed internazionalizzazione, per una didattica che persegue innovazione e sviluppo: questi i dati salienti di Agrisystem, scuola di dottorato per il sistema agroalimentare così come è stata tratteggiata dal coordinatore prof. Antonio Albanese, nella cerimonia di proclamazione che si è svolta alla Fondazione di Piacenza e Vigevano. Si festeggiavano 14 neo-dottori che, al termine di tre anni di studi, parte dei quali trascorsi all’estero, hanno tagliato questo ambito traguardo, andandosi ad aggiungere ai 48 che l’hanno concluso negli anni precedenti.

Dopo il saluto del presidente della Fondazione di Piacenza e Vigevano Giacomo Marazzi (laurea tra le poche al mondo per la sua trasversalità), Antonio Albanese, ha letto una lettera inviata dal Rettore Franco Anelli dove si evidenzia che le sfide della globalizzazione chiamano in prima persona l’Università. Albanese ha ricordato che da quest’anno Agrysistema può contare anche su un milione e 700 mila euro donata dalla Fondazione intitolata all’ingegner Parizzi, che si va ad aggiungere contributi della Fondazione di Piacenza e Vigevano.

Gian Domenico Auricchio, vice presidente Unioncamere ha trattato della complessa problematicità del sistema agro-alimentare che “rappresenta il 10 per cento del PIL, 63.650 imprese, 130 miliardi di fatturato e 25 miliardi di export, l’unico settore con un passo produttivo solido e brillante". La crisi economica, ha puntualizzato, sta perdurando, ma per il settore, per il 2013, è prevista una ulteriore crescita pur di fronte ad un 6 per cento di calo nei consumi alimentari , il 10 per cento dei consumi interni, Dunque- ha precisato- se è diminuita la capacità di acquisto delle famiglie italiane, occorre puntare sull’export, dove le potenzialità sono enormi, dell’80 per cento negli Usa. E’ però assolutamente necessario impedire che altri occupino questi spazi con prodotti che spacciano contraffacendo l’Italian style, un paese che unico al mondo, può vantare 245 tra Dop ed Igp. Ma è assolutamente necessario che il sistema cresca in qualità, marketing e ricerca, sviluppando tecnologie sempre migliori per assicurare qualità. In questo senso è preziosa l’opera di tecnici come quelli di Agrysistem.

Nel corso della cerimonia sono state consegnate 15 borse di studio ai dottorandi che sono stati ammessi al nuovo ciclo della Scuola, quindi la cerimonia del diploma i a nuovi dottori di ricerca.

Danila AMENDOLA
Valorizzazione di sottoprodotti agro-alimentari per la produzione di composti ad alto valore aggiunto

Alessandro MONCALVO
Optimization of oenological practices to reduce biological contaminants in wine

Paola RISCAZZI
Nutritional, environmental optimization and sustainability communication of food productions

Sadek AHMED
Assessment of some factors affecting ruminal fermentation and conseguences of rumen acidosis on gut permeability and inflammation appearance


Nazzareno SORIANI
Development of tools for the assessment and improvement of welfare condition in dairy farms

Marco CAMARDO LEGGIERI
Mycotoxins in cereals: decision support systems development for managing the risk of contamination


Leyla NAZARI
Studies on Fusarium poae, F. Sporotrichioides and F. langsethiae, Responsible for Production of T2/HT2 and Nivalenon in Wheat

Ilaria PROIETTI
Impact of food processing on tannins and phytic acid activities in sorghum porridge: integrated in vitro and analytical approaches

Monica Fernanda RINALDI
Modelling the impact of climate change on the Intraction between host and pest/pathogen phenologies at regional level: “Trentino” - Italy

Paolo SANNA
Principio di precauzione e partecipazione del pubblico in materia ambientale

Mauro BERGONTI
Physiological and molecular analysis of drought response in sweet sorghum

Valentina MASCHIETTO
Identification on genes, QTLs and metabolites for Fusarium ear rot resistance in maize

Romina MORUZZI
Les consommateurs face aux paradoxes de l’offre de produits alimentaires durables. Une étude comparative entre France et Italie

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Alexandre GODINHO BERTONCELLO
Poverty Reduction in rural areas of low-income countries in Sub-Saharan Africa: assessing the role of agricultural productivity and socio-economic environment

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frontale a Castellarquato: muore un uomo, altre due persone sono gravissime

  • Travolto da un Tir mentre cammina al buio sul cavalcavia, 24enne in fin di vita

  • Frontale lungo la Provinciale, muore in auto di fianco alla moglie

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da domani

  • Scontro Cavanna-Burioni sull’utilizzo della idrossiclorichina per combattere il Covid

  • Ennesimo tragico infortunio sul lavoro, agricoltore muore schiacciato dal trattore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento