menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

«Alla Gls perdite economiche incalcolabili e non più sostenibili»

«L’indagine giudiziaria delle Fiamme Gialle che ha interessato Giovanni Attanasio non ha attinenza con Natana.doc S.p.A., società che a Piacenza intrattiene rapporti di fornitura presso il sito produttivo Gls»

In merito alla conferenza stampa tenuta a Piacenza nella giornata del 20 dicembredal rappresentante dell’organizzazione USB, Natana.doc Spa desidera di rappresentare quanto segue: 

L’indagine giudiziaria che ha interessato Giovanni Attanasio non ha attinenza con Natana.doc S.p.A., società che a Piacenza intrattiene rapporti di fornitura presso il sito produttivo Gls. La scrivente società fornitrice attraverso i suoi rappresentanti conferma innanzitutto la continuità aziendale, il puntuale pagamento degli stipendi e la piena operatività lavorativa. La strumentale e distorta lettura della vicenda giudiziaria in corso fatta oggi dal sindacato Usb è fuorviante e distorsiva della verità e le mendaci dichiarazioni rese verranno perseguite nelle opportune sedi.

Occorre piuttosto ricordare a USB che l’hub di Piacenza è l’unico sito produttivo gestito da Natana.doc S.p.A. in Italia in cui, a causa di disservizi e anomalie lavorative, culminate persino nel sabotaggio delle linee di lavorazione delle merci, la stessa subisce perdite economiche incalcolabili e non più sostenibili. Per tali motivi sono state elevate contestazioni disciplinari ai lavoratori interessati che verranno trattate indipendentemente da quanto accaduto e pertanto avranno il loro corso con le relative tempistiche.

Tale situazione si è venuta a creare per il protrarsi nel tempo dello scontro in atto tra iscritti a opposte sigle sindacali, sfociato in vera e propria lotta tra fazioni antagoniste. Aggrava la situazione e non consente prognosi positive per il futuro il mancato rispetto dell’accordo sottoscritto al MISE il 24 maggio 2018 dalle organizzazioni sindacali Si Cobas e USB, che si erano impegnate a instaurare un clima di pace sociale evitando scontri all’interno del magazzino, fornendo assenso per l’abbattimento di un muro divisorio creato appunto per dividere i lavoratori iscritti alle due sigle sindacali, perennemente in lotta fra loro.

Tale patto già dall’inizio veniva ripetutamente violato e non si erano raggiunti i livelli minimi di produttività in linea con gli altri hub italiani, né è tuttora diminuito il tasso di assenteismo, assestatosi ormai intorno ad un patologico 20%. Addirittura, dopo una rissa nel parcheggio tra membri delle opposte fazioni, per tutto il mese di novembre si sono aggiunti e susseguiti blocchi della produttività proseguiti anche nel mese di dicembre.

Nel ribadire che le dichiarazioni del sindacato USB in merito a pestaggi e violazioni dei diritti dei lavoratori non corrispondono al vero e non costituiscono altro che slogan di propaganda a fini politici e ideologici che nulla hanno a che vedere con questioni sindacali e con la reale situazione esistente presso il sito, determinata per l’appunto dagli illeciti disciplinari degli stessi lavoratori, Natana.doc S.p.A. conferma  la propria presenza presso il sito di Piacenza e la continuità aziendale, compatibilmente con le condizioni legate esclusivamente al sito stesso.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

"Paga per sbloccare il pacco": attenzione alla nuova truffa via sms

Attualità

Inps: «Nuovo tentativo di truffa tramite e-mail»

social

Bonus vacanze 2021: come funziona?

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento