menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Alta adesione allo sciopero dei lavoratori Astra

Carini (Fiom): «Ora l’azienda ci incontri, chiarisca che fine hanno fatto gli investimenti promessi e avvii con i lavoratori i tavoli di monitoraggio sui risultati aziendali»

Pochissimi lavoratori, venerdì 10 febbraio alle ore 8, si sono presentati ai cancelli di Astra a Piacenza per timbrare il cartellino e andare a lavorare. Fiom: “Lo sciopero è riuscito in pieno”. “C’è un clima di grande amarezza, c’è insoddisfazione tra le lavoratrici e i lavoratori. Provate a mettervi nei loro panni: lavorano sodo, e si trovano a pagare inefficienze dell’azienda per cui lavorano”.
Commenta così Marco Carini, segretario provinciale Fiom Cgil di Piacenza, lo sciopero che ieri ha bloccato la produzione di Astra veicoli industriali (Gruppo FCA) sul territorio piacentino.

L’adesione alla protesta indetta dalla Fiom dopo le assemblee dei giorni scorsi, in cui i lavoratori piacentini di FCA si sonointerrogati sul da farsi, pere che abbia avuto risultati lusinghieri per i promotori. “Stando ai dati in nostro possesso, l’adesione allo sciopero sarebbe tra l’80 e il 90 per cento tra i produttivi. Ma al di là dei numeri, la protesta deve spingere l’azienda ad incontrarci. Sul tavolo ci sono due temi che non sono più rinviabili – ha aggiunto Carini – da un lato ci sono gli investimenti promessi e non ancora messi in campo, dall’altro chiediamo con forza l’avvio dei tavoli di monitoraggio nei quali azienda e lavoratori possano evitare di trovarsi, tra un anno, con lo stesso problema della mancata erogazione dei premi di risultato”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Case di riposo, quaranta ospiti in tutto il Piacentino rifiutano il vaccino

  • Cronaca

    In futuro vaccinazioni anche a Bobbio e a Bettola

Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento