Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Economia Castel San Giovanni

Amazon, precari e sindacati non mollano: in arrivo duecento ricorsi

Si sposta a Milano ma continua la lotta dei sindacati contro il colosso americano Amazon che ha sede a Castelsangiovanni

La lotta dei sindacati Cgil, Cisl, Uil e Ugl si sposta a Milano solo perché è lì la sede legale di Amazon. Lo spiegano all’agenzia “Dire” i rappresentanti sindacali Francesca Benedetti (Cisl) e Fiorenzo Molinari (Cgil), motivando la scelta di affidarsi al Tribunale di Milano - e non a quello di Piacenza - per presentare oltre duecento ricorsi contro la decisione dell’azienda americana di non assumere i lavoratori precari. Amazon ha impugnato il verbale dell'Ispettorato del lavoro che, lo scorso anno, dopo aver fatto un sopralluogo alla sede di Castel San Giovanni, aveva multato l'azienda per un “eccesso di contratti somministrati”. Per l'ispettorato, sono 1.951 lavoratori che andrebbero assunti in pianta stabile. Ma Amazon non intende assumerli fino a che non si pronuncerà il Tribunale. Ora la contromossa dei lavoratori, sostenuti dai sindacati di riferimento. «È una vertenza straordinaria, come ci ha confermato anche l'Ispettorato. È un caso che non si è mai verificato prima d'ora perché stiamo parlando di numeri di esuberi altissimi e quindi il tribunale di Milano è più attrezzato in questo senso», spiega Benedetti. «I ricorsi sono in numero minore – precisa invece Molinari - rispetto alle cifre iniziali perché a distanza di un anno le persone o hanno trovato un altro lavoro, o si possono essere stancate di aspettare».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Amazon, precari e sindacati non mollano: in arrivo duecento ricorsi

IlPiacenza è in caricamento