Mercoledì, 23 Giugno 2021
Economia

Anche il marketing può aiutare la solidarietà a crescere

Cattolica: evento finale nel quale otto gruppi di studenti si sono sfidati a colpi di idee di marketing per lo sviluppo dell’Emporio solidale di Piacenza

Anche il marketing può essere al servizio della solidarietà. «E’una sfida culturale - ha detto Sebastiano Grandi, coordinatore del Corso di Food Marketing e strategie commerciali della Cattolica di Piacenza - che deve spazzare via i preconcetti, significa fare mercato in modo sano, capire le persone, raccontare chi siamo ed educare. Il marketing ci aiuta a scegliere. Ed anche la concorrenza fa bene ed aiuta a migliorare». Questo il suo preambolo per presentare l’evento finale nel quale otto gruppi di studenti (50 in tutto) si sono sfidati a colpi di idee di marketing per lo sviluppo dell’Emporio solidale di Piacenza. I ragazzi sono stati infatti stimolati a elaborare progetti per migliorare l’organizzazione e la comunicazione dell’Emporio  ed a sviluppare un’azione efficace di attrazione di fondi e personale. Nella mattinata si è svolta la relazione degli elaborati realizzati dagli studenti: i migliori dovrebbero avere nei prossimi mesi una concreta applicazione. 

gruppo2vincitori-2Tanti i temi affrontati dagli studenti nei progetti: filo conduttore la volontà di potenziamento della presenza dell’Emporio sul territorio, per riuscire a soddisfare le necessità della struttura, tanto per quanto riguarda i prodotti quanto per le risorse economiche e umane. In alcuni elaborati è stato evidenziato che spesso l’Emporio si trova in carenza di cibi freschi – da qualche tempo infatti è attiva una cella frigorifera e di prodotti per la casa e per i bambini: una lacuna da colmare con precise strategie di marketing e un rafforzamento delle relazioni con associazioni e imprese del territorio. In un'altra ricerca è stata messa in rilievo l’importanza dei volontari, vero e proprio “motore” della realtà di via Primo Maggio e per la raccolta fondi: l’Emporio non è infatti un’azienda e, per continuare a rispondere in maniera efficace alle richieste delle famiglie, ha bisogno del supporto di una “rete solidale” sempre più ampia.

Al termine delle relazioni la giuria ha scelto i progetti del gruppo 2 (Elisa Audagnotto, Giulia Bernasconi, Marco Fiorentini, Talita Unicattsolidale1-2Saldo, Chiara Raffaelli Andrea Riposa) e del gruppo 5 (Simona Mastrolorito,Paola Blundo, Riccardo Cammoranesi, Maria Rosa Lombardini,Cristian Fiore, Jessica Stefli). Nel suo intervento di saluto il sindaco Patrizia Barbieri (coordinava il prof. Antonio Chizzoniti che con Edoardo Fornari e Sebastiano Grandi ha promosso l’iniziativa) ha voluto ringraziare i gruppi che “hanno lavorato con una valenza sociale straordinaria; l’emporio solidale è una risposta ai nuovi bisogni, alle povertà, alle tante persone sempre più numerose che si rivolgono, spesso con pudicizia e ritrosia, ai Servizi sociali. «Dunque - ha sostenuto - cercare di migliorare la progettualità dell’Emporio è una risposta meravigliosa. Per questo, in questa sfida di progetti, avete vinto tutti; gli studenti sono uno stimolo per tutti noi, con una Università sempre attenta i bisogni di una comunità».

unicattsolidale2-2«Ci avete offerto - ha commentato Mario Idda presidente di Emporio solidale e Responsabile della Caritas Diocesana- un esempio di maturità, donare è dono sia per chi lo riceve che per chi lo produce, è entrare in relazione con una comunità che sta soffrendo e per questo avete vinto tutti. Noi cercheremo di mettere in campo al meglio le proposte scaturite dai progetti». L’assessore ai Servizi sociali Federica Sgorbati ha ricordato che «nella pandemia i giovani sono stati un motore solidale importante affiancando i volontari over 65 che andavano tutelati .Un servizio per quanto di bontà ha anch’esso bisogno di marketing per creare maggiore appeal».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Anche il marketing può aiutare la solidarietà a crescere

IlPiacenza è in caricamento