«Anche negli agriturismi piacentini ingenti perdite per il Covid»

A Roma l'assemblea nazionale di Turismo Verde, l’associazione per la promozione agrituristica di Cia-Agricoltori Italiani: «Non c’è rilancio delle aree interne senza agriturismi»

Tenacia, passione, volontà, accoglienza, tutela dei territori più fragili e tradizione. In una parola: resilienza. Per questo gli agriturismi sono un elemento importante del tessuto agricolo, turistico e sociale italiano. Soprattutto per le aree interne. La pandemia ha portato un maggior flusso di presenze durante i mesi estivi, nonostante la mancanza di turisti stranieri. Ma il bilancio del 2020 è comunque negativo.

La crisi da Covid ha tolto agli agriturismi italiani più di 600 milioni di fatturato su oltre un miliardo annuo di media e 295 milioni di presenze. Ora la sfida è recuperare questi clienti. Anche e soprattutto con il supporto dei giovani agricoltori. 

Questi i messaggi più forti lanciati nel corso dell'assemblea nazionale di Turismo Verde, l’associazione per la promozione agrituristica di Cia-Agricoltori Italiani, svoltasi all’auditorium Giuseppe Avolio di Roma. «Anche nel Piacentino - ricorda il presidente di Cia Franco Boeri - dobbiamo registrare significative perdite economiche, una vera “mazzata” per le imprese dei territori più svantaggiati per le quali l’attività agrituristica è un importante integrazione al reddito aziendale. La loro presenza è fondamentale per la salvaguardia di questi territori dal degrado ambientale». 

Nel periodo del lockdown - è stato ricordato nell’assemblea - i flussi turistici nelle strutture hanno ceduto l'89 per cento rispetto al 2019, raggiungendo ad aprile -96% di presenze e l'azzeramento degli arrivi (-99%). Poco ha potuto l'avvio dell'estate con giugno che ha fatto registrare -78% di arrivi e -80% di presenze. Luglio e agosto hanno riportato gli italiani in vacanza, ma senza incidere sul trend complessivo.

Nel trimestre estivo la domanda estera è crollata del 65,9%, mentre l'aumento di quella interna è stato di solo 1,1%. In questo scenario non tutte le regioni e le mete hanno mostrato pari resistenza. Più forti Toscana, Veneto e Puglia, mare e montagna hanno tenuto più delle città d'arte, rispettivamente con perdite del 30% e del 90%.

«Ma - ricorda ancora il presidente di Cia Piacenza Boeri - fragili per natura, perché ancora prive di servizi e infrastrutture fisiche e digitali adeguate, sono le aree interne che però hanno mostrato grandi potenzialità con +5,2% di presenze nelle località rurali e di collina e +2,7% in quelle montane».

La pandemia che ha tagliato i numeri di un comparto molto vitale dell'economia ha però messo in evidenza secondo Turismo Verde, la rotta su cui puntare. Ossia le aree interne d'Italia che meglio conciliano il rispetto delle regole anti-Covid con l'esperienza turistica autentica promotrice di sostenibilità ambientale, sociale ed economica. Tra riscoperta di paesaggi e piccoli borghi, tradizioni e piatti tipici.

«Il Recovery Fund è una grande opportunità sulla quale lavoriamo insieme al Governo e sul territorio affinché dia il giusto spazio e progetti mirati alla promozione delle aree interne coinvolgendo gli agriturismi». Questo il messaggio del presidente nazionale di Cia Dino Scanavino nel suo intervento all'assemblea.

A fare il bilancio un bilancio tra i risultati ottenuti per il settore flagellato dal Covid-19 e il lavoro che c'è ancora da fare è stato il presidente di Turismo Verde-Cia, Giulio Sparascio. «Dal Bonus Vacanze alla sospensione di Imu e Tari abbiamo raggiunto in questi mesi importanti risultati a tutela degli agriturismi di tutta Italia ma – ha avvertito Sparascio – occorre andare avanti a 360 gradi».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo il presidente occorre «non allentare il filo con le Regioni, molte delle quali ancora non rendono accessibili i contribuiti a fondo perduto previsti dal Dl Rilancio. Come anche rifinanziare la cambiale agraria strumento di accesso al credito agile e libero da vincoli burocratici, che ha già dimostrato di essere una boccata d'ossigeno per agricoltori e operatori agrituristici».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro tra due camion in autostrada, muore 56enne piacentino

  • Si schianta in moto contro un'auto che fa inversione, giovane all'ospedale

  • Norme anti covid, multati due locali aperti dopo mezzanotte. Nei guai anche un cliente senza mascherina

  • Sbanda con l'auto e si ribalta, è grave

  • Ladri sfondano l'ingresso e portano via le bici da corsa, fallisce il colpo da Raschiani

  • Ennesimo tragico infortunio sul lavoro, agricoltore muore schiacciato dal trattore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento