Impieghi in riduzione e depositi in aumento: la fotografia dei dati del credito del primo trimestre

Gli impieghi complessivi sono risultati pari a 7.463 milioni di euro mentre i depositi a 6.888 milioni di euro. A fine 2012 gli impieghi erano arrivati a 7.624 milioni di euro ed i depositi a 6.787 milioni di euro

Attingendo ai dati Banca d’Italia è possibile verificare l’andamento del mercato creditizio nel primo scorcio del 2013. Gli impieghi complessivi sono risultati pari a 7.463 milioni di euro mentre i depositi a 6.888 milioni di euro. A fine 2012 gli impieghi erano arrivati a 7.624 milioni di euro ed i depositi a 6.787 milioni di euro.

Gli impieghi vengono movimentati sia dalle famiglie (che ne usano il 43%) che dalle imprese (per il 46%), diverso è il caso dei depositi cui contribuiscono prevalentemente (per l’86 per cento circa) le famiglie. Sempre marginale il ruolo giocato dalle amministrazioni pubbliche.

Nel confronto con i dati del marzo 2012 gli impieghi hanno visto una contrazione di quasi 5 punti percentuali mentre i depositi un incremento di 9,5 punti percentuali. Il rapporto impieghi su depositi si è così ulteriormente assottigliato, scendendo al 108,3%. Questa tendenza è riscontrabile anche nelle province vicine che pure mantengono valori di tale quoziente più favorevoli alla voce impieghi.

Nella stessa area geografica nel primo trimestre vi è stata anche una riduzione del numero degli sportelli bancari attivi. A Piacenza la riduzione si è limitata all’unità mentre in altri territori è stata un poco più marcata (6 a Parma, 3 a Reggio Emilia, 2 a Cremona, 4 a Pavia).

Tra i dati disponibili merita attenzione il rapporto sofferenze impieghi, che misura lo stato di difficoltà del sistema. Il dato piacentino è pari al 9,3%, pari a 3 volte il rapporto registrato nel 2008. L’incremento di quasi un punto percentuale è stato messo a segno nel giro di un solo trimestre, stante che a fine 2012 si era arrivati all’8,2%.

Di nuovo si può constatare che tra la fine del 2012 e marzo 2013 in tutte le province di confronto, così come in regione e nel sistema Paese, questa grandezza è cresciuta, a testimoniare che i soggetti debitori faticano sempre di più ad onorare i propri impegni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frontale a Castellarquato: muore un uomo, altre due persone sono gravissime

  • Scontro Cavanna-Burioni sull’utilizzo della idrossiclorichina per combattere il Covid

  • Travolto da un Tir mentre cammina al buio sul cavalcavia, 24enne in fin di vita

  • Frontale lungo la Provinciale, muore in auto di fianco alla moglie

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da domani

  • Ha una relazione con l'allieva, lei lo perseguita e lui la denuncia per stalking

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento