Boom delle bollicine italiane all’estero (+16% nei primi 9 mesi dell’anno)

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di IlPiacenza

Balza a 1,3 milioni di ettolitri l’export di spumanti italiani nei primi 9 mesi del 2013, un quantitativo in crescita dell’8% su base annua, in netta controtendenza rispetto all’andamento complessivo delle esportazioni di vini tricolore. È quanto emerge dalle elaborazioni Ismea dei dati Istat, da cui si evince anche un incremento di oltre il 16% del fatturato all’estero generato dalle bollicine italiane.

A trainare la domanda oltrefrontiera è il segmento catalogato sotto la voce “altri spumanti Dop” -  partecipata in misura rilevante dal Prosecco - con incrementi del 27% in volume e del 28% in valore.  Per questa categoria si è riscontrato, in questi 9 mesi, un significativo incremento delle vendite in Regno Unito, che con un più 70% in volume (+67% in valore), resta primo nella lista dei mercati di destinazione. Anche negli Usa le spedizioni hanno messo a segno forti progressi sia in quantità che in valuta (rispettivamente +32% e +33%), mentre l’export verso il mercato tedesco ha accusato una decisa battuta d’arresto, riducendosi del 22% in volume e del 6% in termini monetari.

Per l’Asti spumante, che da solo rappresenta il 21% dell’export di bollicine, il dato cumulato da gennaio a settembre 2013 rivela un calo dell’1% dei quantitativi all’estero, a fronte di introiti cresciuti dell’8%. La caduta dei volumi è imputabile essenzialmente alla flessione delle esportazioni in Germania (-23% sia in quantità che in valore). Di contro, si è registrato un netto rafforzamento della presenza in Russia dove le spedizioni di Asti hanno raggiunto i 35 mila ettolitri (+46% su base annua), per un controvalore di circa 16 milioni di euro (+52%). Con questo risultato il mercato russo scavalca, per il momento, quello statunitense e si colloca al secondo posto dietro la Germania. Complice anche la deludente performance nel mercato a stelle e strisce, con 33 mila ettolitri (-6%) e una lieve flessione anche dei corrispettivi valutari. Bene le vendite in Francia e Regno Unito, paesi entrambi in cui l’export ha fatto segnare incrementi a due cifre.

Per i vini italiani nel complesso - conclude l’Ismea - le elaborazioni relative al periodo gennaio-settembre 2013 segnalano una flessione del 3% delle esportazioni in quantità, a fronte di un fatturato cresciuto dell’8%.

Esportazioni italiane di vini spumanti (gennaio-settembre 20131)

Ettolitri

000 euro

gen-set 2012

gen-set 2013

var. %

gen-set 2012

gen-set 2013

var. %

Spumanti Dop

819.195

959.669

17,1

309.838

371.570

19,9

Spumanti  Dop altri2

536.874

682.929

27,2

203.939

261.885

28,4

Asti

276.827

273.261

-1,3

90.417

97.316

7,6

Champagne

5.494

3.478

-36,7

15.482

12.370

-20,1

Spumanti Igp

28.559

26.871

-5,9

11.289

10.543

-6,6

Spumanti varietali

64.359

58.234

-9,5

15.531

16.451

5,9

Spumanti comuni

286.060

249.844

-12,7

67.535

71.451

5,8

Totale spumanti 

1.198.172

1.294.617

8,0

404.194

470.016

16,3

1 dati provvisori; 2 Escluso Asti e Champagne

Fonte: elaborazione Ismea su dati Istat

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento