menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Cala il numero di imprese in montagna: meno 3,3 per cento. Ottone e Pecorara i più colpiti

Nessuno dei comuni localizzati in montagna ha registrato un incremento delle imprese mentre sono cinque quelli collinari e sei quelli di pianura che hanno visto ampliarsi lo stock imprenditoriale

Il calo di imprese che si è registrato nel corso dell'ultimo anno ha assunto dimensioni diverse nelle differenti zone altimetriche della provincia. Di nuovo la montagna ne esce più colpita, con una riduzione percentuale di 3,3 punti (pari ad una perdita netta di 72 imprese, su un totale di 2.193 a fine 2014). La Camera di Commercio ha diffuso i dati relativi alla dinamica imprenditoriale dei comuni piacentini. 

La riduzione che si è focalizzata nelle zone di pianura e collina è molto simile dal punto di vista percentuale: -0,8% in collina, -0,6% in pianura.

Nessuno dei comuni localizzati in montagna ha registrato un incremento delle imprese mentre sono 5 quelli collinari e 6 quelli di pianura che hanno visto ampliarsi lo stock imprenditoriale.

La riduzione maggiore ha interessato i comuni di Ottone e Pecorara (-9,9% nel primo caso e -9,3% nel secondo) mentre l'incremento più elevato si è verificato a Gragnano (+2,4%).

Il 36,8% delle imprese piacentine ha la sede nel comune capoluogo, il 5,2% a Fiorenzuola e il 4,3% a Castel San Giovanni.

Sono cinque i comuni nei quali la quota di imprese residenti è superiore al 2% del valore provinciale. Si tratta di Rottofreno e Carpaneto (2,8% per ciascuno), Podenzano (2,7%), Borgonovo e Rivergaro (2,1% a testa).

Hanno sede a Piacenza il 34% delle aziende artigiane dell'intera provincia così come  il 53% di quelle straniere, il 36% di quelle femminili ed il 40,5% di quelle giovanili.

Il comune che risulta avere la  maggiore densità –al suo interno- di imprese artigiane è invece quello di Calendasco: il 41,1% delle aziende operanti appartiene a questo comparto. All’estremo opposto si colloca il comune di Piozzano in cui solo .11,7% delle aziende ha natura artigiana.

Sono Borgonovo, Cadeo, Castel San Giovanni e Rottofreno i comuni con la maggiore incidenza di imprese giovanili: in tutti i casi si supera il 10%. Ottone invece ha solo l'1,6% di imprese condotte da imprenditori giovani.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento