menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Cristian Camisa

Cristian Camisa

Camisa: «Tari scontata per le imprese, grande successo di Confapi Industria»

L'appello di Confapi Industria: «Imprese fate una verifica»

«Lo spostamento dei termini per la richiesta dello sconto Tari nel comune di Piacenza è un grande successo della nostra associazione che fa seguito ad una serie di incontri, per ultimo quello del 3 febbraio con il vice sindaco Timpano, l’assessore Gazzola, i tecnici comunali, di Iren e quelli di Confapi Industria» dichiara Cristian Camisa presidente di Confapi. 

«È da un anno che portiamo avanti la questione praticamente in solitaria rimarcando che le imprese non devono pagare un euro in meno ma nemmeno un euro di più di quanto dovuto. La nostra istanza fa riferimento all’interpretazione del Ministero dell’Economia e delle Finanze con la Circolare n. 47505 del 9.12.2014 in riferimento alla Legge n. 147/2013, ovvero la possibilità di ottenere la riduzione della Tassa sui Rifiuti per i rifiuti assimilati agli urbani per le imprese che scelgono di avviare autonomamente al recupero (non allo smaltimento) servendosi degli operatori privati autorizzati».

«Il confronto con il comune di Piacenza è stato intenso, prolungato e costruttivo. Va dato atto, in particolare nella persona del vice sindaco Timpano, una grande disponibilità ed onestà intellettuale ad affrontare la questione. Ha capito che le nostre ragioni, supportate sempre dai fatti, erano corrette. Il comune di Piacenza, che tra l'altro è uno dei pochissimi in provincia ad aver applicato le modifiche nel frattempo intervenute, ha deciso di riaprire i termini per la richiesta di sconto sulla Tari. L'appello forte che lancio a tutti gli imprenditori è, continua Camisa, che chi produce rifiuti speciali non assimilabili per i quali procede allo smaltimento in maniera autonoma, faccia verifiche approfondite autonomamente o rivolgendosi alla nostra associazione. È molto probabile che abbia diritto a pagare meno. Questa battaglia l'abbiamo condotta per i nostri associati ma, come è giusto che sia, andrà a beneficio di tutte le aziende di Piacenza. Nei mesi scorsi, anche grazie alle varie informative ed approfondimenti che abbiamo inviato, già diverse aziende associate si sono attivate attraverso i nostri uffici ottenendo sconti importanti a volte anche di decine di migliaia di euro annui».

«La nostra attività di assistenza alle aziende del territorio proseguirà interessando tutti i comuni della Provincia per arrivare agli stessi risultati ottenuti con il comune di Piacenza e con l'auspicio anche che si arrivi ad un unico regolamento omogeneo rispetto ai 48 oggi presenti. E’ un obiettivo che ci siamo posti e che richiediamo a gran voce anche nell’ottica di una semplificazione sempre più necessaria. Abbiamo riscontrato infatti casi in cui nostre aziende con due sedi in diversi comuni paghino importi molto diversi da un Comune rispetto all'altro a parità di spazi e questo riteniamo sia inaccettabile ed illogico. Ci stiamo affermando come associazione sul territorio grazie alla moltitudine delle nostre azioni e vogliamo proseguire in questa direzione dimostrando come il mondo associativo abbia un senso se rivisto nel senso della dinamicità, efficienza e concretezza».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Attualità

    «Sì alla ricerca delle acque termali e all'area verde attrezzata». I risultati del sondaggio sul terreno di San Martino

  • Fiorenzuola

    Ausl, dal 1 febbraio cambio orari all'Urp di Fiorenzuola

  • Politica

    Azione: «Il piano sanitario del 2017 è da rivedere»

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento