rotate-mobile
Martedì, 9 Agosto 2022
Economia

Campagna pomodoro, da 85 a 77 euro alla tonnellata: sovrapproduzione al Nord, scattano le penali

Squeri, presidente di Pomorete: «Mancata programmazione da parte di alcune OP». Il limite era di 2,55 milioni di tonnellate: si è arrivati a 2,758 milioni e mancano i conteggi dell’ultima settimana

 La campagna del pomodoro da industria 2016 ha visto il Nord andare oltre il quantitativo prefissato - facendo così scattare le penalizzazioni per i produttori - mentre il Sud non ha raggiunto la quota stabilita rimanendo il 10% sotto l’obiettivo. Sono i dati - mancano quelli dell’ultima settimana - della campagna del pomodoro 2016 che ha visto solo pochi giorni fa chiudere i battenti delle ultime industrie del Nord Italia, che hanno lavorato le ultime tonnellate di pomodoro tardivo. «Il problema vero - commenta Dario Squeri, presidente di Pomorete, la prima filiera italiana del pomodoro, e ad di Steriltom, azienda che fa parte della Rete di imprese tutte appartenenti a Confapi Industria Piacenza - al Nord è che è mancata la programmazione. Alcune Organizzazioni di produttori (OP) non hanno saputo pianificare e controllare le semine primaverili. Tutto questo ha portato a superare abbondantemente i 36mila ettari programmati al momento della contrattazione con l’industria. Si è arrivati a 40mila ettari seminati. Si è arrivati, così, all’eccesso di materia prima, al Nord, e di conseguenza sono scattate le penalizzazioni che hanno raggiunto oggi i 2 euro alla tonnellata. Una situazione che è andata a incidere sul reddito agricolo». La OI pomodoro da industria del Nord aveva contratto 85,20 €/ton. All’eccesso di sovrapproduzione si è aggiunta anche la scaletta di qualità - in particolare il basso grado brix - che ha contribuito a far scattare le penali. Il prezzo medio era intorno ai 79 €/ton, ma la penalità lo ha fatto scendere a 77. I dati ufficiali indicano che alla 39esima settimana, al Nord sono stati ritirati dalle industrie oltre 2 milioni e 758mila tonnellate di “oro rosso” contro i 2,550 milioni contrattati. Ai conteggi, però, mancano i numeri dell’ultima settimana. Se si superassero i due milioni e 800mila tonnellate di pomodoro prodotto, scatterebbe un’ulteriore sanzione di 50 centesimi alla tonnellata per gli agricoltori. «Questa campagna - continua Squeri - ha visto una grande differenza tra Nord e Sud. Il Meridione ha ridotto le superfici coltivate, sia volontariamente, sia a causa del maltempo. Al Nord, invece, non c’è stata programmazione da parte di alcuni produttori e si è sforata di circa 200mila tonnellate la cifra dell’accordo». Il Sud aveva previsto una soglia di 2 milioni e 824mila tonnellate, ma dai campi sono state raccolte soltanto 2 milioni e 625mila tonnellate, tanto che verso la fine della campagna, alcune aziende di trasformazione si sono rivolte agli agricoltori del Nord per acquistare pomodori. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Campagna pomodoro, da 85 a 77 euro alla tonnellata: sovrapproduzione al Nord, scattano le penali

IlPiacenza è in caricamento