rotate-mobile
Economia

Dal Vinitaly con il Poggiarello un messaggio per la ripartenza del settore: «La forza della nostra famiglia e l’orgoglio di esserci»

Intervista a Massimo Perini, patron de "il Poggiarello", una delle cantine più rappresentative dell’enologia piacentina protagonista dell'edizione 2021 di Vinitaly a Verona: «Siamo fiduciosi, e la vetrina del Vinitaly è fondamentale, sia per l’Italia che per l’estero»

D’accordo: non sarà come le sontuose edizioni a cui ci siamo abituati, ma la “Special Edition” di Vinitaly in programma a Veronafiere dal 17 al 19 ottobre 2021 sarà un importante segnale di ripartenza per il vino italiano, un settore fondamentale che esprime un valore alla produzione di circa 12 miliardi e un export che nel 2020 si è fermato a 6,3 miliardi di euro, in flessione del 2,3% rispetto all’anno precedente.
«In questo scenario ritornare a programmare e a fare eventi in presenza - ha ribadito Maurizio Danese, presidente di Veronafiere - è ancora più fondamentale. Lo confermano gli operatori nazionali ed esteri di Vinitaly in un sondaggio realizzato tra dicembre e gennaio scorsi: oltre il 30% del campione ha evidenziato che partecipare alle fiere sarà ancora più importante che in passato, mentre più del 60% ritiene che le fiere saranno ugualmente rilevanti».
Un appuntamento in presenza e sicuro, pensato e posizionato strategicamente come punto di arrivo delle prime iniziative commerciali all’estero, per poi ripartire con slancio verso il 54° Vinitaly, dal 10 al 13 aprile 2022. L’obiettivo dunque è di riunire istituzioni, associazioni di filiera e aziende, coinvolgendole in un progetto di sistema che rappresenta il primo evento business del 2021 dedicato al settore vitivinicolo.

In questo contesto non poteva mancare una delle cantine più rappresentative dell’enologia piacentina, ovvero “Il Poggiarello”, «perché - spiega Massimo Perini - vogliamo anche noi trasmettere un messaggio di fiducia dopo un periodo davvero complicato; desideriamo, partecipando già subito a questa edizione, evidenziare che non ci siamo fermati, ma anzi siamo andati avanti, con nuove linee commerciali, vini moderni, emblematizzati da etichette innovative, perché noi teniamo molto a questo progetto rivolto soprattutto alle nuove generazioni, anche se restiamo ancorati alla tradizione ed al nostro passato. Non a caso la nostra forza è la famiglia che con passione, dedizione e senso del dovere, ha saputo sempre mettersi in gioco, andare avanti, progredire ed affermarsi all’interno di un mercato molto competitivo».
Il messaggio è chiaro: «Vogliamo ricominciare a lavorare, supportati da una ripresa che è stata lenta, ma è costante, nella quale il canale ho.re.ca è quello che ha sofferto maggiormente ma che, come tanti, è ripartito. Andiamo al Vinitaly confortati da una vendemmia contrassegnata da un riduzione delle produzioni, ma con uve di grande qualità che potranno garantirci ottimi vini in grado di presentarci bene sui mercati, compresi quelli esteri verso i quali, durante la pandemia, si è verificato un deciso rallentamento. Ma lentamente anche qui ricominciano a muoversi i contatti; abbiamo iniziato con ucraini ed inglesi. Siamo fiduciosi ed in tal senso la vetrina del Vinitaly è fondamentale, sia per l’Italia che per l’estero».

«Del resto - conclude Massimo Perini - noi piacentini abbiamo mostrato anche in questa occasione, di essere coriacei e resilienti; siamo ripartiti con la tenacia di sempre, con alla base la forza della nostra famiglia e l’orgoglio di esserci, sempre».
Via dunque a Vinitaly Special Edition, una manifestazione finalmente in presenza e in assoluta sicurezza, per la ripartenza del settore vitivinicolo con un format innovativo, comprensivo di servizi e con l’accelerazione digitale della nuova piattaforma Vinitaly Plus. Un evento esclusivamente professionale e su invito, con una forte vocazione all’internazionalità grazie all’incoming dai principali paesi target.
Vinitaly Special Edition riunisce tutti i principali player del settore e permette di scoprire in un’unica esperienza tutto lo scenario del mercato vitivinicolo italiano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dal Vinitaly con il Poggiarello un messaggio per la ripartenza del settore: «La forza della nostra famiglia e l’orgoglio di esserci»

IlPiacenza è in caricamento