Cassa di Risparmio, Sforza Fogliani: «Non si fuse per un gioco politico, ma per il suo bilancio»

Un libro curato da Eduardo Paradiso ripercorre la storia della Cassa di Risparmio di Piacenza attraverso le voci di chi ci ha lavorato. Ma Sforza Fogliani interviene e ricostruisce, secondo il suo parere, la fusione del 1993

Sabato 16 marzo, alle 10.30, al Grande Albergo Roma di via Cittadella, si terrà la presentazione della raccolta di scritti “La Cassa di Risparmio di Piacenza” - Sviluppo, innovazioni e persone. Breve storia dall'origine alla fusione 1861–1993. Si tratta di una pubblicazione a cura di Eduardo Paradiso che ripercorre la storia dell’istituto piacentino attraverso la voce dei suoi dipendenti. L’introduzione della presentazione vedrò protagonista il professor Paolo Rizzi del Laboratorio di Economia Locale dell’Università Cattolica di Piacenza. Porteranno un saluto anche gli autori: Angelo Cervetto, Marco Natali, Bruna Milani, Giorgio Ghittoni, Francesco Montescani.

Il libro tratta un argomento sicuramente interessante e decisivo per la storia del territorio piacentino. A pochi giorni dalla presentazione è da registrare l’intervento dell’avvocato Corrado Sforza Fogliani, presidente del comitato esecutivo della Banca di Piacenza.

Cassa di Risparmio, «La bufala dei patti parasociali e del futuro grandioso». Di Corrado Sforza Fogliani

«C’era una volta la Cassa di Risparmio di Piacenza. Che poi divenne di Piacenza e Vigevano. Poi Cariparma, poi Intesa e Intesa/San Paolo, poi ancora Crédit Agricole. Per oggi, siamo fermi qua. L’idrovora dal canto suo continua a fare il suo mestiere. La Cassa di risparmio di Piacenza (quando assorbì quella di Vigevano, sotto questo punto di vista non cambiò niente) s’è sempre divisa il mercato del Corrado Sforza Fogliani-10credito nella nostra terra con la Banca di Piacenza, e fino ad allora contribuì - in modo determinante - a trattenere a Piacenza le risorse prodotte a Piacenza. Poi, nelle diverse denominazioni assunte, ha sempre condiviso nello stesso modo il controllo del territorio (le due, le altre banche - che si dividono tutte una minima quota di mercato - non le sentono neppure). Solo che i risparmi dei piacentini - sottoforma di utili prodotti - hanno continuato ad andarsene (prima a Parma, ora in Francia). E Piacenza, negli anni, non è certo rifiorita. Anzi…, anche prima dei giorni nostri.

Sulla Cassa di risparmio di Piacenza (il cui contributo alla crescita di Piacenza è noto a tutti: come per la Banca di Piacenza, rimasta però piacentina) è ora uscita - in autoedizione - un’aurea pubblicazione, a cura di Eduardo Paradiso (con approfonditi saggi di atri), di cui riproduciamo la copertina. La domanda alla quale la ricerca (documentata) vuole rispondere è questa: perché la fusione della nostra Cassa? E, in secondo luogo: perché con la Cassa di Parma?

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Prima di tutto i fatti. La Cassa di risparmio di Parma e Piacenza nacque il 1° marzo 1993. La fusione con Parma fu un’improvvisata, annunciata e portata a termine in 90 giorni. Fino ad allora s’era sempre (e solo) parlato di una entità regionale (il Caer), nella quale peraltro Parma non ha mai pensato minimamente di entrare. Parma non ha mai accettato - infatti - ruoli da comprimaria, e questo - una volta di più - è stato il suo grande vantaggio, in tutti i settori. Anche questa volta, il suo orgoglio è stato premiato: ad un certo punto la nostra Cassa si rivolse a quella di Parma per una fusione a due. Parma, però, ce la fece pagare: il concambio delle azioni (su perizia di due esperti nominati dal Tribunale di Parma) fu deciso - ed accettato all’unanimità - in modo assolutamente disequilibrato: si accettò, in pratica, la valutazione che la Cassa di Piacenza valesse meno della metà di quella di Parma (che così si prese il 62,01 per cento del capitale contro il nostro 37,99 per cento). A Piacenza si disse che, a tutelarci, c’erano i “patti parasociali” e che il nostro futuro (al futuro, appunto…) sarebbe stato “grandioso”. Come sono andate le cose sotto questo punto di vista, lo sappiamo tutti: ora, il Consiglio è infarcito di francesi. Quanto ai patti (che però addormentarono i piacentini, diedero voce ai trombettieri, non si sa se più minchioni o più - in un modo o nell’altro - “interessati” per non dire prezzolati), nessuno li vide, nessuno li lesse mai, tutti ne parlarono solo (la stampa locale è a disposizione). Paradiso, in proposito, ha le idee chiare, e nette: “Si può paragonare l’intera vicenda alle più scontate commedie degli equivoci”, “Mai bufala fu meglio confezionata”, “Una vera e autentica fake news, come si dice oggi”.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frontale a Castellarquato: muore un uomo, altre due persone sono gravissime

  • Scontro Cavanna-Burioni sull’utilizzo della idrossiclorichina per combattere il Covid

  • Travolto da un Tir mentre cammina al buio sul cavalcavia, 24enne in fin di vita

  • Frontale lungo la Provinciale, muore in auto di fianco alla moglie

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da domani

  • Ha una relazione con l'allieva, lei lo perseguita e lui la denuncia per stalking

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento