Cassa integrazione all’Astra di Piacenza

La crisi economica arriva anche a Piacenza. Il solido stabilimento di Caorso ha comunicato la cassaintegrazione da gennaio per 520 suoi dipendenti. C'è però ottimismo per il futuro

La crisi internazionale che ha interessato e colpito in maniera dura il mercato dei veicoli è arrivata anche a Piacenza e a farne le spese è lo stabilimento dell’Astra.

Dall’altro ieri la maggior parte dei suoi dipendenti, per la precisione 520, ha iniziato a smaltire le ferie arretrate e, visto l’accordo tra la dirigenza aziendale e i sindacati, da gennaio fino a marzo inizieranno un periodo di  cassa integrazione ordinaria della durata di cinque settimane.

Ai lavoratori si sta cercando di dare l’opportunità di maturare durante la cassa integrazione i ratei delle ferie, della tredicesima e della quattordicesima.

Nonostante il calo degli ordini e l’inevitabile crisi, dall’azienda arrivano segnali oltre che  di conforto per  i lavoratori, anche di ottimismo e di speranza per il futuro dell’azienda.

La sua solidità, la professionalità e le capacità del proprio comparto sono garanzia e la base per cui lo stabilimento caorsano possa ripartire con maggior slancio e affrontare la crisi che ha colpito il settore a livello mondiale.    

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Assassinato Rocco Bramante, il boss dei nomadi di Caorso. Rappresaglia sinti: «Presto vendetta»

  • «Me l'hanno ammazzato davanti agli occhi. Rocco era un angelo: mai rubato neanche una caramella»

  • Bidella arrestata per aver rapinato una collega a scuola

  • Matteo Salvini il 14 gennaio a Piacenza tutto il giorno: ecco le tappe in provincia e in città

  • Contributo per l’affitto, dal 15 gennaio al 28 febbraio le domande

  • Perde il controllo dell'auto e si ribalta

Torna su
IlPiacenza è in caricamento