Economia

Ccnl Metalmeccanici, Usb per il no al contratto: «Non c'è nulla da festeggiare»

Di questo e di tutti gli altri punti del Ccnl si discute al Coordinamento dei delegati di Usb in programma per lunedì 15 febbraio

(repertorio)

Ccnl Metalmeccanici, Usb per il no al contratto: «Non c'è nulla da festeggiare». Di questo e di tutti gli altri punti del Ccnl si discuterà al Coordinamento dei delegati di Usb. «Lunedì 15 febbraio alle ore 9.30 è convocato il Coordinamento Regionale dell’Industria, formato in gran parte da delegati del settore metalmeccanico, per analizzare e discutere i termini dell’ipotesi di rinnovo del Contratto Nazionale con la presenza di Sasha Colautti dell’Esecutivo Nazionale. Non c’è nulla da festeggiare perché questo contratto è in assoluta continuità con quello firmato nel precedente. Se è vero che questo contratto porterà qualche soldo in più, sempre pochi rispetto al costo della vita, è anche vero che ciò è avvenuto per effetto di uno scambio tra salario e la nuova normativa sull’inquadramento. A tutti gli effetti non viene cancellato il meccanismo di calcolo Ipca previsto per gli aumenti retributivi, anzi viene definitivamente approvato. Solo per la prossima vigenza contrattuale 2021-2024 viene integrato con qualche euro in più. Negli ultimi due rinnovi, dal 2016 al 2024 per un totale di 9 anni di vigenza contrattuale, tre anni sono stati a costo zero per le aziende ed a rimetterci sono stati i lavoratori. Inoltre, il nuovo inquadramento voluto fortemente da Federmeccanica per effetto dell’innovazione tecnologia dell’industria 4.0, superando l’inquadramento professionale unico del 1973, è solo il pretesto per schiacciare i livelli verso il basso senza che il singolo lavoratore possa, nei fatti, contestarne legalmente il mancato riconoscimento. Avere accettato che i minimi contrattuali vengano adeguati sulla base della dinamica inflattiva misurata con l’Ipca ed il meccanismo ex post, ha provocato anche il non riconoscimento della indennità di vacanza contrattuale, quell’elemento economico provvisorio che dovrebbe essere riconosciuto dalla scadenza del Ccnl precedente e fino al momento del rinnovo. Ciò è avvenuto tecnicamente con l’ultrattività del contratto scaduto, portando così solo 12 euro lordi, per il 2020, nelle tasche dei lavoratori. Ancora una volta si è deciso di investire sulla previdenza complementare per i neoassunti. Questa scelta chiara, che va nella stessa direzione dei vari governi partendo da Monti fino ad arrivare a questo di Draghi, è quella di ridurre al minimo il sistema pensionistico pubblico a favore di quello privato. Così come continua imperterrito l’avanzamento della sanità integrativa a danno della pubblica, un meccanismo questo che nel corso degli ultimi anni si è mostrato fallimentare. Qui c’è un nuovo importante elemento. Per la prima volta la sanità integrativa viene estesa ai pensionati, segno questo che, la strada intrapresa è uguale a quella della previdenza complementare. Evidentemente la grave emergenza sanitaria mondiale, ancora in atto, non ha insegnato nulla. Di questo e di tutti gli altri punti del Ccnl si discuterà al Coordinamento dei delegati di lunedì 15 febbraio che si terrà in videoconferenza, che si terrà su piattaforma GoTomeeting».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ccnl Metalmeccanici, Usb per il no al contratto: «Non c'è nulla da festeggiare»

IlPiacenza è in caricamento