Cementirossi integra parte della differenza tra salario e cassa integrazione

La soddisfazione di Fillea-Cgil e Filca-Cisl per i 131 dipendenti

Buone notizie per i circa 131 dipendenti dello stabilimento Cementirossi Spa di Piacenza. Lo scorso 30 marzo a seguito dell’emergenza sanitaria legata alla diffusione del virus Covid-19 il cementificio ha aperto la procedura di cassa integrazione. Cementirossi, così come numerose altre aziende della provincia, ha dovuto far ricorso all’ammortizzatore sociale a seguito della sospensione dell’attività resa necessaria per frenare i rischi di diffusione del virus nelle settimane di picco della pandemia. Ma, nonostante i disagi e le difficoltà che la momentanea chiusura ha comportato, con tutte le ricadute negative in termini produttivi ed economici, lo storico cementificio Piacentino, ha deciso, a seguito del confronto con Rsu e organizzazioni sindacali di categoria di integrare ai propri dipendenti il trattamento di cassa integrazione erogato dall’Inps. A darne notizia Fillea-Cgil di Piacenza e Filca-Cisl Parma e Piacenza.

«Al fine di attenuare il disagio economico che una riduzione del salario avrebbe comportato ai dipendenti e alle loro famiglie – spiegano Marco Efori di Fillea Cgil di Piacenza e Roberto Varani della Filca Cisl Parma e Piacenza, con questa decisione a favore dei lavoratori, l’azienda copre di tasca propria buona parte della differenza tra l’importo versato dall’INPS e la normale retribuzione percepita dai dipendenti». «Il confronto delle scorse settimane con Cementirossi – affermano i sindacalisti–, richiesto anche per la verifica congiunta della organizzazione produttiva in tempi di Covid-19, ha reso possibile arrivare anche a questo risultato, grazie alla sensibilità e all’attenzione dimostrata dall’azienda. Le solide relazioni sindacali instaurate nel corso degli anni dimostrano di essere un valore aggiunto, in particolar modo proprio in realtà produttive attente alle normative e consapevoli dell'importanza del coinvolgimento attivo dei lavoratori nelle diverse fasi di programmazione dell'azienda».

«Proprio in questa modalità di confronto partecipato si sta lavorando in queste settimane per verificare e implementare congiuntamente le misure di contenimento e prevenzione contro il Coronavirus, secondo il Protocollo Nazionale, in previsione della ripresa del 4 maggio – concludono Efori e Varani –, al fine di salvaguardare la salute dei lavoratori, proteggere le loro famiglie e ricominciare gradualmente a produrre, coscienti dell'importanza fondamentale del rispetto delle regole di sicurezza».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Due positivi in discoteca e mancanza delle norme anti Covid». Disposta la chiusura del Paradise

  • Identificato l'operaio ucciso dal crollo di un silos. Forse il cedimento di un sostegno la causa della tragedia

  • Crolla un silos, 50enne muore schiacciato

  • Altoè, 55enne muore alla guida dell'auto

  • Muore schiacciato dal trattore mentre lavora nei campi

  • Coronavirus, quindici nuovi casi in un giorno a Piacenza e un decesso

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento