Cna: «Nel Milleproroghe manca la proroga della sospensione del Sistri»

Cna: «Va varata al più presto per evitare ulteriori aggravi nella gestione dei rifiuti speciali delle imprese»

Il direttore di Cna Piacenza, Enrica Gambazza

C’è molta preoccupazione in casa Cna per l’assenza della proroga Sistri nel Decreto Milleproroghe, che avanza verso l’approvazione finale. Un’assenza che aggraverà la situazione delle imprese nella gestione dei rifiuti speciali, aggiungendo ulteriori problemi dal prossimo primo gennaio, quando il Sistri - il sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti, nato alcuni anni fa per iniziativa del Ministero dell’Ambiente - diventerà, se non si interviene con una proroga, operativo e verrà meno il sistema attualmente in vigore. “Le proroghe degli ultimi anni non erano certo la soluzione ideale – precisano il direttore di Cna Piacenza, Enrica Gambazza i il Presidente provinciale Giovanni Rivaroli – poiché tenevano in vita fittiziamente il Sistri, un sistema che si è dimostrato dannoso e che è costato alle imprese circa 200 milioni, che con le spese indirette lievitano fino al miliardo di euro, senza contare i numerosi problemi e tutte le complicazioni operative. Una soluzione non ottimale nemmeno per l’ambiente, poiché il Sistri può portare alla paralisi del sistema di gestione dei rifiuti. Il Decreto Milleproroghe era il canale più adatto per affrontare, anche quest’anno, la scadenza del 31 dicembre con la consueta proroga, consentendo alle imprese di continuare ad utilizzare il sistema cartaceo per il rispetto degli adempimenti ambientali. Ma così non è stato. Le imprese, però, non possono continuare a pagare per le inefficienze politiche e burocratiche. La sospensione del Sistri va inserita nel primo provvedimento utile, per concentrarsi nel contempo a trovare una soluzione seria e definitiva a questo annoso problema. La CNA chiede per questo la realizzazione, in collaborazione con le associazioni imprenditoriali che in questi anni hanno combattuto questo fallimentare sistema di tracciabilità, di un modello che consenta di tracciare i rifiuti in maniera semplice ed efficace, che garantisca sicurezza e rispetto dell’ambiente e che non crei ulteriori e inutili adempimenti burocratici alle imprese”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

Torna su
IlPiacenza è in caricamento