Coca Cola e Conad in cattedra alla Cattolica

Due colossi come Coca Cola e Conad nella giornata del 2 novembre in cattedra in Cattolica

Due colossi come Coca Cola e Conad nella giornata del 2 novembre in cattedra in Cattolica. Come operare per porsi sui mercati nel modo migliore. Lo ha spiegato Maria Antonella Desiderio, Director of Strategy & Business Development di Coca Cola Hellenic intervenendo alla lezione del corso di laurea magistrale in Food marketing e strategie commerciali, organizzata dai professori Sebastiano Grandi e Ivan Demuro. Oggetto dell’analisi di Desiderio i processi di marketing per migliorare sempre meglio le persone che operano sul territorio e che quindi vanno coordinate nel migliore dei modi. La Conad è un un’azienda che vive in stretta integrazione con la comunità in cui opera e per questo la comunicazione è fondamentale. Per evidenziarne le strategie è intervenuto presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore, nell’ambito delle lezioni manageriali organizzate dal prof. Daniele Fornari, Giuseppe Zuliani, Direttore Customer Marketing e Comunicazione di Conad. Zuliani ha sottolineato che Conad ha investito un modo massiccio in pubblicità per sostenere la serietà e la qualità del marchio che hanno garantito un importante ritorno presso i consumatori che hanno di questa azienda un’immagine di un marchio vicino ai bisogni della gente, che sa operare in stretta sinergia con le peculiarità del territorio e ne coglie i bisogni anche al di fuori dei punti vendita con iniziative sociali significative. Non ultima quella a favore delle popolazioni terremotate.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Noi non ce l’abbiamo fatta». Dopo 15 anni di attività la trattoria finisce in “svendita”

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Per 30 anni in prima linea, il 118 piange Antonella Bego. «Perdiamo una professionista e un'amica»

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

Torna su
IlPiacenza è in caricamento