menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coldiretti: «Trattori con i serbatoi a secco a causa della siccità»

L'associazione degli agricoltori e allevatori ha chiesto un'assegnazione supplementare di gasolio

Rischio di stop per i mezzi e i trattori agricoli con la conseguenza di non poter più svolgere le normali attività in campagna perché diventa impossibile irrigare e raccogliere i prodotti. L’allarme per la mancanza di gasolio a causa della siccità è stato lanciato da Coldiretti Emilia Romagna, che ha già chiesto all’assessorato regionale all’Agricoltura un’assegnazione supplementare di gasolio agricolo.

“A causa del caldo al di sopra della media del periodo, si registra un maggiore impiego dei mezzi per l’irrigazione dei campi,  ha spiegato Claudio Maschi, responsabile della Commissione Ambiente e Territorio di Coldiretti Piacenza, che ha ridotto fortemente la disponibilità di gasolio agricolo delle aziende. Il rischio dunque è duplice: da un lato, il pericolo di non poter più irrigare e quindi di non riuscire a portare a compimento il ciclo produttivo di alcune coltivazioni come angurie, meloni, pomodoro, barbabietola da zucchero e uva ma anche mais e foraggio per alimentare il bestiame, e, dall’altro, il pericolo di non poter far funzionare i mezzi per la raccolta e il trasporto.”

Le temperature record di luglio (massime superiori di 4 gradi e minime superiori di 3,5 gradi la media del periodo) – afferma Coldiretti Piacenza – stanno mettendo a dura prova tutti gli impianti di irrigazione messi sotto sforzo per riuscire ad evitare che il caldo eccessivo “bruci” il raccolto. La conseguenza è un forte aumento dei costi di produzione e soprattutto un calo sostanzioso delle riserve di carburante agricolo che bisogna ripristinare al più presto.

Il calo di gasolio inoltre, fa sapere Coldiretti Piacenza, sta penalizzando fortemente anche gli allevamenti dove sta diventando sempre più difficile gestire le normali funzioni di stalla. Una situazione che, anche per queste attività, va a gravare sui costi già in aumento per i maggiori consumi di acqua ed energia che gli allevatori devono sostenere per aiutare gli animali a resistere all’assedio del caldo. Sono scattate infatti misure anti afa (ventilatori, doccette e condizionatori) e gli abbeveratoi lavorano a pieno ritmo perché ogni singolo animale è arrivato a bere fino a 140 litri di acqua al giorno contro i 70 dei periodi più freschi. “E’ fondamentale perciò, ha concluso Massimo Albano direttore di Coldiretti Piacenza, che ci sia una assegnazione supplementare di gasolio in tempi brevi per permettere il normale svolgimento della campagna e ottenere i prodotti di qualità che contraddistinguono la nostra agricoltura.”

maschi_claudio

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Nuovo Decreto, oggi verrà definito il colore dell'Emilia-Romagna

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    In futuro vaccinazioni anche a Bobbio e a Bettola

  • Cronaca

    Case di riposo, quaranta ospiti in tutto il Piacentino rifiutano il vaccino

  • Cronaca

    Covid-19: nel Piacentino 77 nuovi casi e sette decessi

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Case di riposo, quaranta ospiti in tutto il Piacentino rifiutano il vaccino

  • Cronaca

    In futuro vaccinazioni anche a Bobbio e a Bettola

Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento