rotate-mobile
Martedì, 16 Agosto 2022
Economia / Caorso

«Colture spezzate e tetti scoperchiati dalle raffiche di vento»

Gravi danni nel settore agricolo: numerose segnalazioni da parte degli associati di Confagricoltura Piacenza

Nella serata del 4 luglio temporali con forti raffiche di vento hanno procurato danni alle aziende agricole in diverse zone della provincia. Numerose sono le segnalazioni giunte a Confagricoltura Piacenza da parte degli associati che riportano di strutture scoperchiate sia nella zona di Caorso, che a Borgonovo che tra San Giorgio e Carpaneto. A macchia di leopardo le forti raffiche di vento hanno fatto danni un po’ ovunque. Presto per quantificare danni permanenti alle colture, anche se in alcuni punti il mais è stato spezzato come in certi campi nelle zone di Castel San Giovanni. “Purtroppo – rileva l’associazione degli imprenditori agricoli – il maltempo non è stato foriero della tanto sospirata acqua. A Caorso si sono registrati 35 millimetri, a Borgonovo solo 8. In generale i gravi danni del vento non sono proporzionali al ristoro che l’acqua avrebbe dovuto portare”.

“In una manciata di minuti è arrivato un vento fortissimo che soffiava da Rivergaro verso Carpaneto – spiega Daniele Lamberti, associati di Confagricoltura che ha la propria azienda in località Case Nuove si San Giorgio - nei campi ha piegato le cipolle, speriamo che si rialzino, in azienda mi ha scoperchiato i tetti dei due portici. Un tetto è completamente distrutto perché da sotto il vento ha portato via tutte le tegole e andrà rifatto da capo, all’altro sono state divelte le prime 5-6 file di tegole”. “Eravamo in cortile a lavorare – racconta l’associato a Confagricoltura Daniele Modenesi, dell’azienda Montanarina di Borgonovo – è arrivato un vento fortissimo che ha scoperchiato i portici. Sui miei campi non ho rilevato danni alle colture, ma neppure il ristoro della pioggia. È piovuto così poco da risultare irrilevante”. “Purtroppo le alte temperature portano a fenomeni intensi e repentini – rileva il direttore di Confagricoltura Piacenza, Marco Casagrande – siamo vicini a chi ha avuto danni e faremo il possibile per fornire l’adeguato supporto tecnico ove necessario. Il cambiamento climatico sta rendendo i fenomeni estremi più frequenti, è molto importante considerare questi fattori anche in sede di sottoscrizione delle assicurazioni”.

Campo di mais 4 luglio zona di Caorso-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Colture spezzate e tetti scoperchiati dalle raffiche di vento»

IlPiacenza è in caricamento