menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Esportazioni piacentine, per macro raggruppamenti

Esportazioni piacentine, per macro raggruppamenti

Commercio: battuta d'arresto per esportazioni, in crescita la vendita di prodotti locali

Il primo semestre del 2015 ha interrotto il trend di crescita delle esportazioni. Il dato riflette di una forte riduzione nel comparto tessile-abbigliamento, mentre sono crescita le vendite dei prodotti dei settori manifatturieri locali

La Camera di Commercio ha diffuso una nota sui dati del commercio del primo semestre: "Ha subito una leggera battuta d’arresto il flusso delle esportazioni piacentine nel corso del primo semestre del 2015. La variazione calcolata è stata infatti pari al -0,7%. Se a fine giugno 2014 le merci esportate avevano totalizzato il valore di 1.811 milioni di euro, al 30 giugno 2015 il complesso ha raggiunto i 1.798 milioni di euro".

"La lettura delle componenti del dato consente di capire che il rallentamento si è verificato soprattutto a carico del comparto tessili ed abbigliamento che aveva spinto in modo molto energico la performance esportativa piacentina, pur non essendo espressione diretta della manifattura locale. Una leggera flessione ha riguardato anche il settore dei prodotti in metallo (-1,2%) mentre segno positivo si è registrato sui movimenti degli altri settori “forti” dell’economia provinciale. La crescita dell’export per l’industria dei macchinari è stata pari al 2,3%, per quella dei mezzi di trasporto del 2,4%, per quella degli apparecchi elettrici del 7,4%".

"Nel complesso molto buono il risultato del settore alimentare che ha totalizzato una crescita a due cifre (+16,5%), guidata da quella dei prodotti alimentari (+19,3%). In frenata invece le vendite delle bevande. A livello geografico va segnalata la riduzione dell’export verso l’Europa (-4,6%). Variazioni positive si sono invece realizzate nelle altre direttrici di commercializzazione".

"Nel sistema Paese le esportazioni hanno segnato una crescita di 5 punti percentuali, in Emilia Romagna del 4,4%. Tra le province vicine Parma, Reggio Emilia e Lodi hanno visto una crescita dell’export, a differenza di Pavia e Cremona. Importante è stato il risultato delle importazioni, che sono cresciute del 12,7%. In cima alla lista dei Paesi dai quali le imprese piacentine importano merci c’è la Germania, seguita dalla Cina e quindi dalla Francia. I mobili e poi gli articoli di abbigliamento sono risultati essere i prodotti maggiormente importati dall’estero".

Import export a livello territoriale-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Case di riposo, quaranta ospiti in tutto il Piacentino rifiutano il vaccino

  • Cronaca

    In futuro vaccinazioni anche a Bobbio e a Bettola

Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento